Back to top

Vino e dieta: ecco perché fa bene alla salute!

 

Spesso eliminato dalle diete, in realtà il vino ha moltissime qualità che, secondo un recente studio, lo rendono un ottimo alleato della nostra salute.

Un bicchiere di vino al giorno fa meraviglie per la salute: lo conferma una ricerca della Harvard Medical School, che ha analizzato gli effetti del vino (consumato in quantità moderata ovviamente) sul nostro corpo e sulla nostra salute. Inoltre sembra che questa deliziosa bevanda aiuti a controllare il peso corporeo perché “accellera il battito cardiaco e quindi anche il metabolismo, aiutando a consumare più calorie.” Spiegano i ricercatori.

E’ soprattutto il vino rosso a rappresentare la qualità più indicata nei periodi in cui vogliamo ritrovare la forma perduta: è ricco di antiossidanti naturali e se consumato in combinazione con cibi grassi aiuta a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo.

Non è un caso, infatti, che i francesi, nonostante abbiano una dieta quotidiana abbastanza ricca di grassi, riescano ad avere livelli di colesterolo controllati: l’abitudine di bere un bicchiere di vino durante i pasti è uno degli elementi che influenza l’assorbimento dei grassi da parte del corpo.” Continuano i ricercatori di Harvard che hanno condotto lo studio.

I vini bianchi, invece, soprattutto quelli a bassa gradazione (10°-11°), svolgono un effetto diuretico importante grazie alla presenza di anidride carbonica che aiuta e facilita la digestione, contribuendo a depurare l’organismo dalle scorie.

Uno, due bicchieri di vino al giorno durante pranzo o cena sono perfetti per accompagnare i pasti senza appesantire il nostro organismo: quando decidiamo di mangiare bene e teniamo sotto controllo il cibo che consumiamo per eliminare gonfiori e chili in eccesso non significa che dobbiamo rinunciare completamente ai piacere della vita.” Spiega Giuseppe Piraneo, Manager di Vinozio, e-commerce di vini online. “Ora che anche le ricerche lo confermano, il vino deve diventare davvero il compagno ideale dei vostri piatti: l’importante è tenere sotto controllo la quantità e scegliere bottiglie di qualità che portino in se tutto il meglio, tutti i profumi e gli aromi del vitigno da cui provengono.”