Back to top

Veicoli elettrici: arriva la ricarica wireless veloce

Category:
foto-veicoli-elettrici
Grandi novità da Momentum Dynamics, che udite udite, accelera la ricarica senza fili dei veicoli elettrici, fino a ben 50 kW, aprendo interessanti prospettive in particolar modo quanto ai veicoli commerciali!
Una novità ed un traguardo, che fino a qualche tempo fa si pensava irrealizzabile, per motivi fisici ma che oggi, grazie alla competizione instauratasi tra le varie aziende del settore, vede l'americana Momentum Dynamics, aver ottenuto un innovativo sistema di ricarica wireless a induzione, per autoveicoli in grado di trasferire una potenza di ben 50 kW, che in un prossimo futuro, potrebbe arrivare sino a 90 kW!
Ebbene si, la ricerca ha dato insomma i suoi frutti; e che frutti!
Una ricerca che ha visto il principale aspetto sul quale lavorare, quello di focalizzare il fascio, facendo cioè in modo che le linee di forza del campo, rimangano confinate ove serve, evitando inutili diffusioni di strutture, da non coinvolgere nel processo di trasferimento, evitando peraltro, di generare rischi per la sicurezza delle persone; un obbiettivo, questo, pienamente raggiunto, come si è dimostrato nelle dimostrazioni, nel corso delle quali infatti, non si provocavano riscaldamenti sulle superfici metalliche, circostanti l'antenna ricevente.
Non solo comunque sarebbe stato risolto questo problema ma anche l'efficienza del processo di ricarica wireless avrebbe raggiunto il 90% - un soffio al 100% - un valore sorprendente, paragonabile a quello di un processo di ricarica convenzionale a cavo!
Un valore di ricarica, ottenuto a dispetto della lontananza della antenne, che punta solo su un ricevitore posto ad una distanza non superiore a metà circa del diametro del disco trasmettitore, dovuto invece al fatto che il fascio di energia sia ben focalizzato, senza inutili dispersioni; un risultato che per il momento la Momentum Dynamics mira ad integrare sul sistema dei veicoli elettrici commerciali, in particolare quelli impegnati in ambito urbano, che fanno frequenti soste in punti strategici; soste che possono così trasformarsi da momenti in cui si brucia carburante, a momenti nei quali aumentare l'autonomia!
Un risultato davvero niente male, per un obbiettivo ancora più prezioso, che consentirà di poter contare su batterie più piccole, leggere ed economiche: non resta quindi che attendere i primi risultati ...