Back to top

Vacanze finite: lo stress da rientro si cura con l'uva

Agosto è quasi giunto al capolinea e con lui le vacanze di milioni di italiani: il rientro a casa può rivelarsi un momento difficile, tanto che gli studiosi parlano di sindrome da rientro. Irritabilità, umore nero, problemi di insonnia e difficoltà a riabituarsi ai ritmi consueti sono i sintomi che caratterizzano il ritorno alla normalità di migliaia di italiani: un malessere che è destinato a durate un paio di settimane, ma che può essere combattuto lasciandosi guidare dalla natura, come afferma Coldiretti che cita i risultati di  una ricerca dell'Istituto di patologia vegetale dell'Università di Milano, pubblicata sul Journal of the science of food and agricolture. Uno studio che, secondo l'associazione di coltivatori, mette in evidenza come mangiare uva può aiutare nell'affrontare al meglio lo stress da rientro.

Secondo quanto riportano i ricercatori, infatti, nei chicchi di uva rossa è presente la melatonina, un ormone che presente in maniera naturale nel cervello ha una funzione di regolazione dei ritmi circadiani, ovvero i cicli che regolano la sequenza veglia-sonno nel nostro organismo. La melatonina presente nell'uva svolge lo stesso ruolo di quella naturalmente presente nel nostro cervello, aiutando quindi a riabituarsi ai ritmi di vita normali. Inoltre l'uva, come altri tipi di frutta dolce, aumenta la produzione di seratonina, un neurotrasmettitore che facilita il rilassamento; ma non è finita perché i chicchi di uva possiedono anche molte vitamine B6, necessarie per gli individui contratti, nervosi e insonni.

Un ulteriore suggerimento su come affrontare al meglio il rientro dalle vacanze arriva da Assolatte, associazione dei produttori lattiero-caseari: fare una colazione ricca in cui non può mancare latte o yogurt, alimenti ricchi di fosfolipidi, che hanno un effetto positivo sul tono dell'umore, sulle funzioni cognitive e sulla risposta alla stress, aiutando quindi ad affrontare vuoti di memoria, difficoltà di concentrazione e cali di umore.