Back to top

Unione Europa contro l'inquinamento dell'aria

La battaglia dell'Unione Europea contro l'inquinamento continua.

 

 La Commissione UE ha, infatti, avvertito ben 17 Stati, tra cui compaiono anche Italia, Portogallo, Slovenia e Svezia, che ben presto verrà adottato un nuovo approccio alla lotta contro l'inquinamento  che determinerà nuove norme ed una riduzione del periodo di non conformità agli standard dettati dall'UE.

 

 Gli Stati sotto l'occhio dei riflettori per l'inefficienza con cui contrastano il diffondersi di polveri sottili in atmosfera sono già da tempo osservati speciali della Corte di Giustizia e dovranno fare in modo di risolvere quanto prima le loro mancanze. I 17 Stati in esame, nello specifico, violano le norme datate 2005 in materia di pm10.

 

 Non è ancora chiaro in che modo l'Unione Europea deciderà di intervenire in difesa dell'ambiente e contro gli Stati che, a giudizio degli organi di controllo, si stanno mostrando inefficienti nel processo di tutela dell'aria. Quello che è chiaro è che la Commissione Europea sembra aver intenzione di applicare le leggi in vigore con estrema precisione e non tollerando più gli enormi ritardi, spesso ingiustificati, nella riduzione degli inquinanti che rappresentano, è bene ricordarlo, un grave pericolo per la salute dei cittadini europei. Nel corso dei prossimi mesi, con ogni probabilità, si inizieranno a vedere i primi effetti di questo cambio di tendenza.