Back to top

Sviluppo e clima: è quasi scontro tra commissari europei

sviluppo-climaSviluppo, clima. Sono due temi fondamentali dell'Europa di oggi, divisa tra lotta alla crisi economica e nascita di una nuova consapevolezza "Green". Due concetti che dovrebbero andare di pari passo: lo sviluppo deve essere sostenibile e quindi deve mischiarsi con le istanze ambientaliste. Eppure, proprio sull'opportunità di tale connubio si sta discutendo, per giunta animatamente, a Bruxelles. Lo scontro è tra la Commissione parlamentare dello sviluppo (che fa parte del potere legislativo) e tra il Commissario europeo Connie Hadegaard (che fa parte del potere esecutivo).

Il problema su cui ruota la discussione è il seguente. E' opportuno legare i fondi per lo sviluppo e i fondi per la protezione dell'ambiente e del clima? L'accorpamento servirebbe, secondo alcuni, a creare la consapevolezza che i due temi vanno considerati come le due facce della stessa medaglia, oltre a costringere i paesi membri a realizzare i due obiettivi contemporaneamente.

Sostenitore di questa opzione è il commissario, che ha dichiarato: "Quando si cerca di creare sviluppo bisogna pensare al contesto dei cambiamenti climatici. E' necessario adottare strategia positiva , un modus pensandi che non presuppone una netta settorializzazione dei due ambiti".

Contrari, invece, i parlamentari della Commissione sviluppo. In particolare si è levata alta la voce di Charles Goerens (PPE), contrario all'accorpamento dei finanziamenti. Fermo restando che la cooperazione è un elemento importante e che deve rimanere al suo posto, se è possibile implementata. Queste affermazioni hanno trovato un sostegno bipartizan nel Parlamento Europeo, a tal punto da essere state lodate anche da esponenti del gruppo dei Socialisti e dei Democratici, tradizionale opposizione del Ppe di Goerens.