Back to top

Solare: in Trentino neve artificiale green, senza additivi chimici

Category:
FOTO-NEVE-ARTIFICIALE
Con l'avvento dell'inverno arriva il tempo del sciare, sport tipico invernale tanto amato da grandi e bambini, che non vedono l'ora arrivi il fine settimana o – meglio ancora – la classica settimana bianca di vacanza, per andare sulle vette più vicine, per poter sfrecciare sugli sci veloce, veloce sulla candida neve fino a valle.
Una prospettiva davvero molto allettante ma che ovviamente in mancanza di neve non ha futuro. E purtroppo oggi come oggi a causa dei cambiamenti climatici, sulle nostre montagne c'è sempre meno neve; una condizione che oltre a dispiacere gli affezionati della neve, ben poco aiuta quello che è il turismo invernale dei viaggiatori, attirati dalla prospettiva di una romantica vacanza, in mezzo alla coltre bianca, particolarmente amata dagli sciatori.
Una problematica decisamente non da poco, per risolvere il quale è stata fornita una soluzione ecologica da una start up di Rovereto, che sfruttando una delle proprietà chimiche dell'acqua, è riuscita a produrre neve artificiale, senza additivi chimici, ad una temperatura ben al di sopra dello 0: inquinante? No, assolutamente no, perché la macchina che sta dietro a tutto questo, funziona con l'energia termica prodotta grazie al sole!
Ebbene si, avete capito bene, perchè la neve artificiale in Trentino è assolutamente green, essendo prodotta con energia termica e senza additivi chimici: un risultato assolutamente di prim'ordine!
NeveXN, così si chiama la start up dell'ingegnere di Trento Francesco Besana, a cui si deve il successo, nasce con l'idea di rispondere alla crescente necessità del mondo dello sci e del turismo, di avere neve anche quando quelli che sono gli attuali sistemi di innevamento tecnico non lo consentono e di superare l'ostacolo delle temperature medie, oggi come oggi sempre più alte.
Una risposta che quanto alla neve artificiale fino ad oggi ha avuto comunque costi in termini ambientali; costi che con NeveXN si sono invece fortunatamente superati, grazie all'alimentazione solare dei nuovi dispositivi ed evitando l'uso degli additivi chimici - solitamente usati dai cannoni -.
I nuovi cannoni infatti sparano ad una pressione elevata l'acqua attraverso ugelli che a loro volta la nebulizzano, benchè occorre però ci siano circa -3° C prima affinché si crei la neve, ma NexXN si dice pronta a rivoluzionare il mondo dell'innevamento tecnico, come fa sapere:
Grazie a una tecnologia in grado di produrre neve sopra gli 0°C e senza l’utilizzo di additivi chimici” fa sapere e rivela “Dopo anni di studi, anche in collaborazione con importanti Istituti di ricerca internazionali, siamo riusciti a creare una tecnologia green per l'innevamento” a queste temperature, che sfrutta il punto triplo dell'acqua.
Risultati che lo scorso aprile hanno visto la macchina-prototipo di NeveXN, produrre neve ad una temperatura di ben 15° C in presenza di un’umidità relativa del 90%: risultati che fanno decisamente ben sperare: non credete anche voi?

(Fonte: Greenme)