Back to top

Smog, Milano oltre i limiti da dieci giorni

Undici giorni consecutivi oltre i limiti di polveri sottili: Milano vive il suo undicesimo giorno da "fuorilegge" per quanto riguarda la presenza di Pm10 nell'aria. Domenica scorsa le centraline del capoluogo lombardo hanno nuovamente superato la soglia dei 50 microgrammi a metro cubo: dai 57 di Pascal Città Studi e Verziere ai 50 di via Senato. Al momento la situazione non sembra poter migliorare ed è quindi concreto il rischio di toccare i 12 giorni oltre i limiti, evenienza che farebbe scattare l'ordinanza contro le emergenze smog.  Infatti, se oggi i valori di Pm10 saranno nuovamente superiore ai limiti massimi, il Comune dovrà applicazione l'ordinanza 2/2011 (integrata dalla 3/2011), in vigore dallo scorso mese di gennaio: una delibera che prevede il divieto di circolazione  in città per i veicoli benzina con motori euro 0 e diesel euro 0, 1 e 2. Se per cercare di porre freno all'emergenza possibile anche che per domenica 9 ottobre sia indetta la giornata senza auto.

Una situazione difficile dal punto di vista dell'inquinamento quella che vive Milano, con Pierfrancesco Maran, assessore comunale all'ambiente che chiede aiuto a Provincia e Regione nella lotta allo smog: "È necessaria una strategia allargata, Milano da sola non può risolvere una situazione in cui lo sforamento dei limiti di Pm10 nell'aria riguarda un terzo della Lombardia. Chiediamo aiuto alla Provincia, con la quale avremo un incontro in settimana, e alla Regione".

Intanto la Giunta Pisapia lavora per aumentare la severità dei provvedimenti di emergenza sullo smog: si parla di una riduzione dei tempi di intervento delle misure emergenziali e di un irrigidimento dei divieti che dovrebbero arrivare a fine mese. Misure a cui andranno affiancati provvedimenti strutturali, per i quali il Comune rinnova l'appello alle altre istituzioni, con la Regione che ad esempio, deve effettuare alcune modifiche normative per permettere l'utilizzo di sistemi tecnologici che diano la possibilità di accertare chi infrange i divieti.