Back to top

Silvoterapia: abbracciare un albero fa bene a corpo e mente

foto-silvoterapia
Abbracciare un albero fa bene al corpo e alla mente; questo il consiglio che stà alla base della silvoterapia, tra le pratiche dell'eco-terapia utili per ritrovare il proprio benessere, riscoprendo il contatto con la natura!
La silvoterapia indica infatti di avvicinarsi agli alberi in modo naturale, abbracciando il loro tronco, sedendosi al loro fianco, appoggiando la schiena sul tronco e posizionando la mano destra nella zona del plesso solare, mentre la mano sinistra dietro la schiena, a contatto tra il nostro corpo e l'albero, in corrispondenza della zona dei reni; ma non solo.
Oltre al contatto diretto con l'albero, la silvoterapia promuove il soggiorno in luoghi boschivi, proposto in particolare a chi soffre di asma bronchiale, bronchite cronica, ipertensione arteriosa, nervosismo ed insonnia; ma non è ancora tutto!
Abbracciare gli alberi ha infatti anche un'azione rinfrescante, secondo quanto sostenuto da uno studio pubblicato da scienziati americani e australiani, i quali hanno dimostrato che i koala abbracciano gli alberi proprio per rinfrescarsi; e quindi, abbracciando un tronco e appoggiandosi contro la superficie fredda dell'albero, perdono calore per conduzione.
La silvoterapia quindi ha molteplici benefici ed è un vero e proprio metodo terapeutico di cura e di prevenzione delle malattie, attraverso gli alberi, tanto da essere stata riconosciuta come metodo scientifico nel 1927, quando era già usata da secoli, basata sull'antica idea del recupero della salute attraverso gli alberi, ove in passato ai pazienti malati di polmonite era consigliato di passare un periodo nei boschi, o almeno nelle vicinanze di un bosco.
Ma la silvoterapia è indicata anche per le persone sane come prevenzione delle malattie, che possono praticare la terapia in modo attivo camminando, correndo o facendo sport nei boschi ogni giorno, nei week-end o in vacanza.
L'aria dei boschi infatti contiene notevoli quantità di ioni negativi di ossigeno, che aiutano a stimolare e armonizzare i processi vitali e la sfera psichica e emozionale; motivo per cui, respirare quest'aria è considerato un rimedio benefico, dato che attiva la circolazione sanguigna, aumenta il numero di globuli rossi, facilita la respirazione nei malati polmonari cronici, favorisce il sonno e ultimo ma non per importanza, contribuisce a ritardare l'invecchiamento; ma non solo.
Trascorrere del tempo a contatto con gli alberi e con la natura è una fonte di energia vitale positiva, che alcuni alberi, come il tiglio, il pino, la quercia, il castagno, l'acero, il frassino, il salice e l'acero, sembrano essere in grado di fornire.
Ogni albero infatti secondo i Celti, ha il suo attributo, tra i quali scegliere l'albero col quale essere più affine:
  • la betulla: simbolo di rinascita, purificazione, conoscenza e purezza;
  • l'ontano: simbolo di protezione spirituale e potere oracolare;
  • il salice: richiama gli aspetti lunari e femminili della vita e dell'ispirazione poetica;
  • il frassino: simbolo iniziazione e rinascita;
  • il biancospino: simbolo di purezza, viaggi interiori e intuizione;
  • la quercia: simbolo di potere, energia e sopravvivenza;
  • il nocciolo: invita alla meditazione, incoraggia saggezza interiore, intuizione, potere di divinazione;
  • il melo: d'aiuto quando si deve prendere una decisione importante;
  • il pruno selvatico: utile in caso di azioni forti, di influenze esterne a cui è necessario obbedire;
  • il sambuco: simbolo di vita e rigenerazione.

Nell'antichità infatti la silvoterapia era legata alle forze ed alle energie che l'uomo poteva cercare e trovare nei boschi, ove la natura era la vera e unica medicina; ma anche oggi, ognuno dopo una passeggiata in un bosco o in un parco, può sperimentare su sé stesso i grandi benefici, motivo per cui, alla prossima passeggiata nel bosco, perchè non provare ad abbracciare il nostro albero preferito, per sentire tutta la sua energia, che può trasmetterci?
E quale miglior occasione di fare un passeggiata nel bosco, se non il prossimo 21 novembre, in occasione della Giornata dell'Albero 2014, accettando l'invito di Legambiente ad abbracciare un albero ed a farsi fotografare con lui, postando lo scatto via social via social, partecipando all'iniziativa #abbraccialo . Che ne dite?