Back to top

Settimana dell'Energia, a Bruxelles è protagonista la Provincia di Teramo

energia teramo

La settimana prossima, quella che va dal 24 al 30 giugno, sarà, per l'Europa, la Settima dell'Energia. Verrà celebrata a Bruxelles, "capitale" dell'Unione Europea. La settimana prende ufficialmente il nome di "Provincia di Teramo protagonista italiana al “Towards EU 2020 and beyond – local and regional actions".  Come si evince facilmente, l'evento è dedicato agli sforzi profusi a livello locale per la diffusione delle energie rinnovabili in una prospettiva meno che decennale.

Protagonista della manifestazione, tra gli altri, è la Provincia di Teramo, la quale sarà rappresentata dal suo presidente Walter Catarra. Egli relazionerà il 25 giugno dalle 9 alle 12. Tanta carne al fuoco, che poi non è altro che l'insieme dei progetti portati avanti dalla Provincia di Teramo e apprezzati, per la loro efficacia e sostenibilità, anche a livello europeo. I progetti in questione sono il Progetto Paride, portato avanti personalmente da Walter Catarra, e il Patto dei Sindaci che vede proprio in Teramo una delle sue espressioni più compiute.

Il Progetto Paride ha coinvolto, sotto la guida teramese, 33 comuni e ha organizzato iniziative di autosufficienza energetica e di implementazione delle rinnovabili. Il Patto dei Sindaci, invece, consiste in un accordo tra i sindaci di 47 comuni in una prospettiva quindicennale.

Il presidente della Provincia di Teramo Walter Catarra ha espresso la massima soddisfazione e ha puntato i riflettori sulla questione della partecipazione democratica:  "Per noi è un onore, ovviamente, ma è anche la testimonianza del valore aggiunto che abbiamo saputo imprimere, che l’assessore all’ambiente Francesco Marconi, ha saputo imprimere, al programma europeo per la riduzione dei gas serra sia con il Patto dei Sindaci che con Paride abbiamo coinvolto praticamente tutti i Comuni e costruito un percorso di partecipazione con i cittadini. Che questo sia stato fatto in maniera eccellente, oggi, lo certifica l’Europa e per noi rappresenta un riscatto anche nei confronti di chi ha ironizzato sui viaggi a Bruxelles di questa Giunta".