Back to top

Scontrini e ricevute: allarme, contengono sostanze tossiche

-scontrino


Veniamo a contatto ogni giorno, decine di volte con sostanze tossiche e spesso, molto spesso non ne siamo al corrente; quando usciamo a fare la spesa, durante lo shopping a fine settimana o più semplicemente ogni mattina al bar corriamo questo rischio senza saperlo; quindi attenzione alla carta termica.  La carta termica è quella speciale tipologia di carta creata per la stampa di piccolissime tirature.

I fogli, che alla vista sono semilucidi da un lato, sono ricoperti da un’emulsione formata dal colorante e dallo specifico reattivo. All’atto della stampa la testina della stampante viene surriscaldata e sfiorando il foglio fa avvenire la reazione tra colorante e reattivo generando l’immagine. Generalmente la carta termica è utilizzata per stampare  fax, per gli scontrini delle casse e per le ricevute del bancomat o di qualunque carta di credito e nelle stazioni di servizio.

Le possibilità di intossicarsi  sono abbastanza elevate, soprattutto per soggetti particolarmente sensibili o persone che soffrono di svariate allergie; i più a rischio sono i negozianti che in un solo giorno toccano ricevute e scontrini a centinaia. Non possiamo eliminare l'uso di questa carta e nemmeno gli scontrini e quant'altro riguarda i pagamenti effettuati nei negozi , dall'uso quotidiano, ricordiamoci però di lavare bene le mani se ne tocchiamo e di non consumare alimenti senza averlo fatto; le sostanze chimiche della carta termica possono venire assorbite dalla pelle, o intossicare per ingestione.