Back to top

Risparmiare sulla bolletta della luce grazie alle fonti rinnovabili

bolletta della luce

Risparmiare sulla bolletta della luce utilizzando come fonti di energia le rinnovabili è possibile. Ecco le offerte più convenienti.

Di Valeria Cannizzaro

Tra tutte le utenze domestiche, quelle energetiche sono sempre le più pesanti da digerire: luce e gas vengono consumati continuamente e di conseguenza le bollette non tardano a gravare sul bilancio mensile di ogni famiglia. Confrontare le offerte di Enel con quelle di Eni e degli altri operatori potrà sicuramente aiutare ogni consumatore in difficoltà alla ricerca della bolletta meno cara.

Per pagare di meno la bolletta, infatti, è possibile scegliere fra le offerte più vantaggiose per l’energia elettrica e quelle che riguardano il consumo del gas, valutando le tariffe degli operatori del mercato libero e di maggior tutela. La differenza tra i due tipi di mercato sta nella differenza con la quale offrono il prezzo ai consumatori: al contrario dei primi, i prezzi degli operatori del servizio di maggior tutela seguono le variazioni trimestrali dell’Aeeg. I secondi posso anche bloccarlo.

Risparmiare sui costi dell’energia, inoltre, è prioritario sotto molti aspetti: consumare non vuol dire solo pagare una bolletta a fine mese ma contribuire in maniera significativa all’evoluzione ambientale del pianeta. Restringendo il campo, per vivere meglio nel luogo in cui viviamo sarebbe ottimale adottare un comportamento il più possibile sano e “sostenibile” ovvero che abbia conseguenze (positive) sul lungo termine.

Le emissioni di Co2 emesse nell’aria per produrre energia da fonti tradizionali (ovvero fonti combustibili), danneggiano costantemente l’aria che respiriamo e tutto l’ambiente in generale. Per questo pensare a fonti di energia alternative è più che mai un’emergenza globale e locale.

Con lo sviluppo tecnologico, infatti, si è potuto assistere ad un’evoluzione dei sistemi di energia domestici e industriali che sempre più si sono sviluppati in direzione delle risorse naturali rinnovabili. Queste, sono le fonti naturali come il sole, il vento, l’acqua, il gas che permettono di produrre energia (e di consumarla) senza gravare ulteriormente sull’ambiente.

Installare un pannello fotovoltaico sul tetto di casa propria, permetterà di sfruttare l’energia solare per produrre energia sufficiente a soddisfare le esigenze di consumo di un’intera famiglia. Il limite – superabile – di questi impianti è il loro costo: scegliere di produrre autonomamente energia rinnovabile significa investire dei soldi.

Nonostante le spese iniziali molto ingenti questo sistema vi permetterà di guadagnare quanto speso nel corso degli anni. Anche perché l’energia prodotta in più può essere sempre reimmessa nel circuito e venduta agli operatori energetici.

Se questa soluzione non è fattibile per molti consumatori, le alternative non mancano: tutti gli operatori del settore, infatti, offrono la possibilità di ricevere la fornitura di energia derivata da fonti rinnovabili, basta richiederla al momento della sottoscrizione del contratto.

Le offerte sono tante e diverse per ogni città perché alcuni costi (come quelli del trasporto della materia prima per esempio) che incidono sul prezzo finale della bolletta, cambiano da regione a regione. Con l’aiuto del portale di confronto tariffe SuperMoney siamo riusciti a vedere quali siano le migliori offerte di energia elettrica rinnovabile attualmente sul mercato.

Il confronto è stato effettuato su tre citta, Torino, Roma e Bari e ha visto una predominanza di due operatori: Enel Energia e Gdf Suez. A Torino, per esempio, Enel offre due alternative: la prima si chiama e-light Monoraria e l’energia elettrica che produrrà nelle vostre case sarà da fonte rinnovabile.

Questa offerta costa annualmente 506,9 euro e il prezzo rimane bloccato, ovvero non segue le indicizzazione dettate dall’Aeeg trimestralmente. La particolarità di questa offerta è che è attivabile solo via internet, così come su internet è la sua gestione.

La seconda alternativa proposta da Enel si chiama Semplice Luce ed è anche questa monoraria e utilizza fonti rinnovabili per produrre energia. Il suo prezzo è bloccato e costa 586,6 euro.

Gdf Suez, operatore nel campo delle rinnovabili, offre la tariffa Casa più verde: questa offerta è multioraria (ovvero prevede prezzi differenti in base alle fasce orarie nelle quali avviene il consumo) e ha un prezzo bloccato di 585,2 euro.

A Roma e a Bari, le altre due città prese in considerazione per il confronto, gli operatori e le tariffe rimangono le stesse, a cambiare, come accennato prima, potrebbe essere il prezzo, ma non è sempre così. Sia nella capitale che a Bari, infatti, Enel Energia propone la tariffa e-light monoraria a 506,9 euro e la Semplice Luce Monoraria a 586,6 euro. A Roma non sono presenti invece offerte vantaggiose di Gdf Suez, al contrario di quanto avviene per Bari dove troviamo la tariffa Casa più verde a 585,2 euro.