Back to top

Riscaldamento globale, a rischio la cioccolata

I cambiamenti climatici mettono a rischio le coltivazioni di cacao in Ghana e Costa d'Avorio: la cioccolata potrebbe diventare bene di lussoRinunciare a godere del sapore irresistibile di una tavoletta di cioccolato: è quello che molti potrebbero essere costretti a fare a causa del riscaldamento globale. Secondo uno studio commissionato dalla fondazione Bill e Melinda Gates ben presto potrebbero non esserci più terreni adatti alla coltivazione del cacao: i risultati mostrano, infatti, come a causa dei cambiamenti climatici che si verificheranno da qui al 2050, Ghana e Costa d'Avorio (produttori della metà del cacao mondiale) potrebbero non essere più in grado di garantire la coltivazione del cacao.

Lo studio, realizzato dall'International Center for Tropical Agriculture, ha preso in esame  19 diversi modelli climatici e li ha applicati alle caratteristiche delle piante di cacao. I risultati mostrano come con l'aumento di 2,5 gradi della temperatura media previsto per il 2050, quasi tutti i terreni adibiti alla coltivazione del cacao non saranno più adatti; il declino inizierà a partire dal 2030, quando la temperatura si innalzerà di un grado. I primi indizi sono già presenti in alcune aree marginali: zone che con il passare del tempo sono destinati ad aumentare. Se i risultati dello studio dovessero essere confermati si prevede un grande aumento dei prezzi, in conseguenza anche dell'aumento della domanda globale di cioccolata.

Diverse le soluzioni proposte per porre rimedio alla diminuzione dei terreni coltivabili: dallo spostamento delle piantagioni ad altitudini maggiori allo sviluppo di nuove forme di irrigazioni passando per la selezione di ceppi resistenti al caldo. In attesa che venga individuata la soluzione migliore per non far abbassare la quantità di cacao coltivata in Ghana e Costa d'Avorio e per evitare che la cioccolata diventi il nuovo oro nero, gli amanti del genere hanno una sola cosa da fare per superare il momento di sconforto: tuffarsi su un pezzo di cioccolata e godersi il dolce sapore, prima che diventi troppo "salato" per le tasche di gran parte dei comuni cittadini.