Back to top

Rinnovabili termiche: una risorsa per l'Italia

Rinnovabili termiche

Le rinnovabili termiche sono considerate come la "cenerentola" tra le fonti rinnovabili, almeno in Italia. Spesso ignorate dalla politica, fuori dal sistema degli incentivi, sono riusciti comunque a penetrare nel mercato nazionale anche senza aiuti. Questo grazie alla loro efficacia e alla loro funzionalità rispetto all'abbattimento dei costi dell'energia e alla sostenibilità ambientale.

Si è parlato delle rinnovabili termiche alla Quarta Conferenza Nazionale per le Rinnovabili Termiche. L'incontro è stato organizzato dall'associazione Amici della Terra in collaborazione con Coordinamento delle associazioni di impresa per le rinnovabili termiche e l'efficienza energetica (Carte).

La più attiva nel perorare la causa delle rinnovabili termiche è da sempre Rosa Filippini, presidente di Amici della Terra. La dirigente ha sottolineato l'importanza di questa fonte verde presentando un dato in particolare: il 45% dei consumi energetici delle famiglie sono legate al riscaldamento dell'ambiente domestico. Ha poi sottolineato la competitività delle rinnovabili termiche, come dimostrata dalla sua diffusione in tutto il territorio nazionale, avvenuta nonostante la mancanza degli incentivi e di interesse da parte dei vertici amministrativi dello Stato.

Rosa Filippini ha stimato una diffusione delle rinnovabili termiche equivalenti a 11 Mtep (Milioni di tonnellate equivalenti di petrolio) entro il 20120. L'obiettivo è però un altro e ben più ambizioso. La presentazione di questo obiettivo non prescinde però dal campanello d'allarme suonato da Amici della Terra che denunciano una generale percezione negativa sulle rinnovabili termiche: "I ritardi e le criticità rendono difficile uno sviluppo delle potenzialità delle rinnovabili termiche per il mercato italiano al 2020, che era stato stimato in circa 20 Mtep. Occorre cambiare passo ed elaborare fin da ora una strategia di maggior respiro con un obiettivo di penetrazione per le rinnovabili termiche del 35% al 2030".