Back to top

Rinnovabili: produzione in eccesso meglio di stoccaggio

Da un’analisi di ricercatori americani, è emerso un dato particolarmente interessante, che potrebbe delineare un diverso futuro sviluppo delle rinnovabili nel mondo. Produrre l’energia, anche in eccesso rispetto alla domanda, è meno costoso di utilizzare sistemi di stoccaggio, che porterebbero solo all’aumento dei costi.


Da appositi modelli matematici è emerso infatti che attraverso un’adeguata combinazione di tutte le varie fonti di energia rinnovabile (solare per il giorno principalmente, eolico e tutte le altre per la notte), è risultato che la produzione di energia in eccesso, la quale garantirebbe la copertura anche negli orari notturni o quando viene richiesta appunto di più, costerebbe decisamente meno di impianti di stoccaggio, da utilizzare in assenza di produzione per esempio.


Lo sviluppo infatti di impianti, così come la realizzazione di batterie, e per forza di cose combinazioni chimiche, che possono in qualche modo anche inquinare l’ambiente, genererebbero dei costi attualmente al di sopra di quanto effettivamente necessario, per garantire la copertura totale del 99,9% dei paesi più sviluppati.


Muterà questa ricerca importanti fondi di sviluppo e di ricerca, destinati a determinati settori, oppure le aziende continueranno ad investire anche in sistemi di stoccaggio, fino a qualche tempo fa l’ultima frontiera delle rinnovabili? Staremo a vedere cosa succederà.