Back to top

Rinnovabili: la soluzione più economica in situazioni off-grid

Nonostante la rete elettrica e la copertura a livello nazionale ed internazionale abbia raggiunto dei buoni risultati, sotto molteplici punti di vista, laddove non è possibile agganciarsi appunto alla rete, in situazioni off-grid, ecco che entrano in funzione le rinnovabili.


Secondo l’ultimo report dell’IRENA, proprio queste ultime rappresentano la migliore soluzione in rapporto qualità prezzo, anche in confronto ai fossili, spesso e volentieri preferiti per maggiore “immediatezza”. A lungo andare infatti, un generatore di corrente diesel per esempio, non solo crea tutti i classici problemi che noi conosciamo (rumore, inquinamento..), ma il suo continuo e necessario rifornimento, crea costi eccessivi (viaggio di autobotti, flessioni del costo in base ai listini internazionali), e spesso e volentieri l’impossibilità di usufruire del servizio, durante particolari ed estreme condizioni climatiche, o “del territorio”, in alcuni stati del mondo, ove non sempre possono giungere a destinazione simili prodotti.


Nelle migliori situazioni, con le rinnovabili si arriva a spendere anche 0,04$ kW/h, che rapportati alle spese necessarie per le fossili, contribuiscono di gran lunga a ridurre il capitale da investire, per rifornire ambienti o zone che non possono essere coperte dalla rete elettrica principale.


Eolico e fotovoltaico la fanno da padrone, in questa circostanza, ma anche l’idroelettrico e le biomasse non scherzano, a maggior ragione in alcuni paesi dove possono essere maggiormente sfruttate.