Back to top

Rinnovabili: arrivano 6 miliardi di incentivi dall’UE

Approvato proprio in questi giorni dal Parlamento Europeo, il nuovo provvedimento in materia non ha fatto altro che sbloccare dei fonti, destinati allo sviluppo ed alla ricerca di nuove e moderne soluzioni “rinnovabili” ed “intelligenti”, per i prossimi anni.

In questo periodo, in cui si sta discutendo molto per quel che riguarda l’imminente approvazione del bilancio europeo, che siano già stati destinati alcuni fondi con sicurezza al settore, non può che essere positivo. L’apprezzamento è arrivato infatti da tutti gli addetti al settore, comprese le varie rappresentanze internazionali, come l’EWEA, che ha profondamente riconosciuto l’opera, che punterà a sviluppare tutti i settori delle rinnovabili, e non soltanto i principali.

Secondo un apposito progetto europeo, il 3% del pil comunitario, un’importantissima cifra, dovrà essere impiegata per il settore delle rinnovabili proprio entro il 2020; con l’approvazione di questi giorni, non possiamo far altro che constatare come il tutto stia andando avanti, e come probabilmente simili previsioni verranno raggiunte e soddisfatte senza alcun problema del caso, se ovviamente si continuerà su questa strada, e se ogni paese continuerà appunto a sovvenzionare il settore.

Sistemi di stoccaggio sono stati “citati” nelle varie voci del provvedimento, e questo lascia ben sperare, in merito a future tecnologie che siano in grado di accumulare l’energia prodotta in eccesso, durante il giorno, da consumare quanto gli impianti per forza di cose non sono operativi (in assenza di sole, vento eccetera); l’allontanamento progressivo dal fossile, procedere bene o male senza intoppi.