Back to top

Rifiuti Speciali e Rifiuti Tossici

I rifiuti speciali sono quelle sostanze di scarto provenienti dalla lavorazione di determinati prodotti. In genere si definiscono in questo modo perché per essere smaltiti hanno bisogno di una procedura particolare.

La normativa stabilisce l’attribuzione di un codice di sei cifre e c’è un catalogo europeo dei rifiuti in base al quale vengono classificati. La normativa di riferimento è il normativa D.lgs 152/06.

Rifiuti Speciali e Rifiuti Tossici

Una società come la nostra che si basa sul consumo eccessivo, sulla produzione di una quantità indefinite di immondizia, deve preoccuparsi di come vengano smaltite alcune sostanze che a lungo andare possono rivelarsi dannose per l’ambiente.

I rifiuti speciali sono poi classificati in rifiuti pericolosi e rifiuti non pericolosi a seconda della loro origine e in base all’impatto sulla salute e sull’ambiente.

La legge prevede una particolare modalità di raccolta, stoccaggio, trasporto e smaltimento a seconda della specie:

Categorie di rifiuti speciali

1.      provenienti da attività agricole e agro-industriali;

2.      derivanti da attività di demolizione, costruzione, e scavo;

3.      prodotti dalle attività industriali;

4.      derivanti da lavorazioni artigianali;

5.      le sostanze prodotte da attività commerciali;

6.      da attività di servizio;

7.      da operazioni di recupero e smaltimento

8.      prodotti dalle attività sanitarie e veterinarie;

9.      i macchinari e le apparecchiature ormai in disuso o non più funzionanti;

10.  i rifiuti derivati dalla selezione meccanica dei rifiuti solidi urbani.

I rifiuti tossici

Provengono dalla lavorazione di determinate sostanze e sono molto pericolosi per la salute delle persone e dell’ambiente. La gestione di questo materiale di scarto è un problema di interesse pubblico, perché può danneggiare in maniera irreparabile l’ecosistema.

Si tratta di materiale proveniente dalla lavorazione industriale o dall’ambiente domestico, il cui stoccaggio e smaltimento deve essere seguito in maniera corretta.

La normativa è molto rigida in questo caso e pone dei paletti ben delimitati. Infatti la normativa stabilisce che gli scarti pericolosi devono essere smaltiti in maniera da non recare alcun danno all’ambiente o all’intero ecosistema.

Le organizzazioni criminali hanno infatti ampiamente lucrato su questo problema visto che per le industrie smaltire queste sostanze è abbastanza costoso.

Mettere in sicurezza, depurare, stoccare trasportare in maniera corretta e legale rifiuti tossici significa salvaguardare la salute di noi tutti.