Back to top

Rifiuti, Reggio Calabria in rivolta: bloccata un'importante arteria della città

Rifiuti Reggio Calabria Viale

A Reggio Calabria l'emergenza rifiuti si sta trasformando in emergenza sociale. Il capoluogo reggino ha vissuto spesso momenti concitati legati alla cattiva gestione dei rifiuti, ma non si è mai giunti alla rivolta. La sera dell'11 maggio, però, si sono registrati i primi prodromi di una ribellione, così gravi da annunciare il trend crescente del disagio sociale. In tarda serata, i cittadini si sono riversati in una famosa e importarte arteria della città e hanno capovolto i cassonetti dei rifiuti, gettando in strada l'immondizia. Risultato? Il Viale Europa, che ospita i Vigili del Fuoco e dista solo qualche centinaio di metri dal celebre Lungomare, è diventato inaccessibile. Gli automobilisti si sono visto costretti a fare dietrofront e scegliere un altra via. Poco dopo le prime segnalazioni, in strada è giunta la Polizia di Stato che ha cercato di restituire alla normalità quello scorcio di tessuto cittadino.

Reggio Calabria non è la prima città che vive episodi di disordine sociali a causa dell'emergenza rifiuti. Nei mesi scorsi, anche i palermitani (o almeno una parte di loro) hanno ceduto alla protesta più o meno violenta. Famosi anche le intemperanze dei napolitani, indispettiti dalle promesse non rispettate del sindaco Luigi De Magistris.

A Reggio Calabria, dunque, l'emergenza rifiuti si riversa su altre sfere e crea altre emergenza. L'ex opposizione del Comune (che ad oggi risulta commissariato) ha stilato un comunicato nel quale parla del rischio dell'emergenza sanitaria, possibile con l'arrivo della stagione estiva e, di conseguenza, del grande caldo. Ecco alcune delle soluzioni suggerite nel comunicato.

  • Individuazione di aree di stoccaggio ai margini della città, valutando l’opportunità di utilizzare terreni confiscati alla criminalità e mai utilizzati;
  • Disinfestazione e/o lavaggio dei cassonetti dopo lo svuotamento;
  • Consentire al Comune di RC di smaltire con priorità nella discarica di Sambatello;
  • Predisporre l’invio dei rifiuti  fuori Regione;
  • Valutare l’intervento dell’Esercito.