Back to top

Rifiuti: Palermo si va verso la normalità

Emergenza rifiuti a PalermoMolte città del sud Italia non godono di una situazione favorevole per quanto riguarda la differenziata. Eccetto per alcuni comuni virtuosi, situati in gran parte nella regione Campania, dappertutto, nel Mezzogiorno, la percentuale di raccolta differenziata è di molto al di sotto della media nazionale e infinitamente lontana dagli obiettivi posti dall'Europa e dal governo nazionale.

Come se non bastasse, ci sono alcuni comuni del meridione che sono in piena emergenza rifiuti, con cumuli di immondizia che invadono le strade, deturpando l'immagine della città e rappresentando un rischio sia sanitario che stradale per i cittadini. Alcuni nomi importanti comprendono Foggia, Catanzaro, Reggio Calabria.

Anche Palermo sta vivendo, da un paio di settimane a questa parte, una situazione di emergenza. In questo caso, per fortuna, non entrano in gioco fattori strutturali (come il fallimento delle società di raccolta rifiuti) ma fattori semplicemente contingenti e temporanei.

Secondo quanto illustrato dall'Assessore alle partecipate, Cesare La Piana, il dettato dal fatto che nel periodo natalizia la produzione di immondizia da parte dei cittadini è salita del 20%. A questo, e solo a questo, si deve l'invasione di 700 tonnellate di rifiuti nelle strade di Palermo.

Fortunatamente, sono stati presi provvedimenti in merito: nei prossimi giorni (fino al 2 gennaio) verranno messi in campo 50 compattatori e 4 squadre di personale che sgombreranno le strade e traghetteranno Palermo in una situazione di normalità. Si renderà necessario, però, che i cittadini rispettino i turni di conferimento dei rifiuti, esplicitati dall'amministrazione, in modo da non intralciare il lavoro dei "soccorritori".

Scrive l'assessore su un noto organo di informazione siciliano: "E’ fondamentale che i cittadini rispettino i turni e gli orari di conferimento dei rifiuti così come è fondamentale che l’AMIA garantisca servizi a regime in grado di rispondere alle necessità della città".