Back to top

Riciclo: Germania e Austria in testa

RicicloL'Agenzia Europea dell'Ambiente ha redatto recentemente un rapporto che fotografa la situazione del riciclo materiali in Europa. In testa alla classifica stilata dall'AEA si posizionano Germania e Austria. L'Italia, come era lecito aspettarsi, si posizione in fondo, con risultati non soddisfacenti e ancora lontani dagli obiettivi dettati dall'Unione Europea.

L'Europa ha chiesto ai suoi stati membri di raggiungere un tasso di riciclo pari al 50% entro il 2015. La media europea, attualmente, è del 35%. Solo Germania e Austria e pochi altri, stando al rapporto dell'Agenzia Europea dell'Ambiente, hanno già tagliato questo traguardo. Più precisamente, i tedeschi riescono a riciclare il 62% dei rifiuti che producono, mentre gli Austriaci addirittura il 62%. Ottimi risultati anche per il Belgio (58%), Paesi Bassi e Svizzera (entrambi al 51%).

E l'Italia? ll Bel Paese è ancora ben sotto gli standard imposti dall'Unione Europea e leggermente sotto la media europea, e fa registrare uno striminzito 31%. A monte di questi numeri vi la situazione estremamente disomogenea sul fronte della differenziata. Al nord va bene, al su va male, con una media del 35% che sicuramente non può essere considerata una percentuale soddisfacente. Desta però qualche speranza la tendenza generalizzata, ed esplosa solo di recente, di favorire il porta a porta in luogo dei tradizionali metodi di conferimento.

Il direttore dell'Agenzia Europea per l'Ambiente durante la presentazione del report ha dichiarato: "In un periodo relativamente breve alcuni paesi hanno promosso con successo una cultura del riciclo, con infrastrutture, incentivi e campagne di sensibilizzazione. Altri continuano invece a restare indietro, sprecando enormi quantità di risorse. L`attuale elevata domanda di alcuni beni dovrebbe costituire per i paesi un segnale sulle evidenti opportunità economiche del riciclo".