Back to top

Riciclo batterie: Wwf e Erp sensibilizzano i giovani

wwf

Wwf e Erp (European Recycling Platform) hanno organizzato una campagna di sensibilizzazione diretta agli studenti delle scuole superiori. Argomento: il riciclo di pile e batterie. Proprio questo tipo di materiale, infatti, provoca i maggiori danni tra tutti gli oggetti di utilizzo quotidiano, con un tempo di smaltimento di migliaia di anni.

La campagna di sensibilizzazione è iniziata il 13 marzo e si protrarrà per i prossimi due mesi. Wwf e Erp compiranno un vero e proprio giro d'Italia, da nord a sud e da est a ovest, incontrando i ragazzi direttamente nelle scuole. La prima tappa prevede lo "sbarco" a Messina, Arezzo, Mantova, Roma, Avellino e Modena.

Molti e variegati gli strumenti con cui le due associazioni intendono avvicinare gli studenti al tema del riciclo delle batterie e delle pile. Innanzitutto, la parola: alcuni rappresentanti di Erp e Wwf  esporranno chiaramente i danni di pile e batterie lasciata a marcire in discarica e i vantaggi scaturiti dal loro riciclo, e dunque riaimmissione degli stessi nel ciclo produttivo.

Erp e Wwf, inoltre, doneranno alle scuole un kit di conferimento e allestiranno una sorta di concorso. La scuola che avrà conferito, entro fine maggio, la maggior quantità di pile e batteria vincerà una visita guidata a una delle 100 oasi Wwf sparse per il mondo.

Infine, l'opera di sensibilizzazione si declinerà nell'organizzazione di laboratori, attraverso i quali gli studenti realizzeranno progetti volti ad aiutare le associazioni nell'opera di sensibilizzazione. Insomma, Wwf e Erp si impegnano a sensibilizzare e a imparare a sensibilizzare.

Umberto Raiteri, presidente di Erp, ha plaudito così all'iniziativa: "Abbiamo questa grande opportunità di lavorare con il WWF, una organizzazione riconosciuta a livello mondiale, per educare le future generazioni al rispetto dell’ambiente e al riutilizzo dei materiali. Perché educare le nuove generazioni vuol dire avere rispetto del loro futuro".