Back to top

Riciclo: arriva Ginkgo, l'ombrello totalmente riciclabile

Due ricercatori della fondazione Accellaratore d'Imprese, associata al Politecnico di Milano, ha creato Ginkgo, l'ombrello totalmente riciclabile ed ecosostenibile.

Gli ombrelli inquinano. In primo luogo, il loro ciclo di vita è veramente molto breve: sono deboli e si rompono presto; quasi un miliardi di ombrelli vengono buttati ogni anno. In secondo luogo, i materiali di cui sono fatti hanno tempo di smaltimento abenore, in particolare il poliestere si biodegrada in più di mille anni.

La soluzione a questo problema, dannosa per l'ambiente, è forse arrivata. Si tratta di Ginkgo, avveniristico prototipo di ombrello che promette di essere totalmente riciclabile, ecosostenibile, resistente. E' stato progettato da due ricercatori della fondazione Accelaratore d'Imprese, patrocinata dal Politecnico di Milano, il designer Federico Venturi e l'ingegnere meccanico Gianluca Savalli.

Gingko è prodotto totalmente in poliestere, materiale plastico totalmente riciclabile. E' costituito solo da poliestere, che è in grado di offrire una resistenza superiore al ferro, come anche è un grado di garantire una certa facilità in fase di asemblaggio del prodotto.

L'invenzione sta godendo anche di un certo risconocimento internazionale: è stato selezionato per partecipare alla prestigiosa competizione del James Dyson Award, la quale premia ogni anno l'invenzione  migliore tra quelle "belle e utili allo stesso tempo".

Federico Venturi ha dichiarato: "Dopo l'ennesimo ombrello rotto ci siamo detti: perché non pensare a un ombrello semplice, ma resistente e sostenibile? Da qui, lo spunto per esaminare i punti deboli degli ombrelli compatti, che hanno un ciclo di vita molto breve e utilizzano materiali, come il poliestere e il ferro difficilmente smaltibili. Tenete presente che, considerando circa 240 g di ferro a ombrello, con la quantità totale di ferro del miliardo di ombrelli che ogni anno si rompono o vengono persi (pari a 240.000 t), sarebbe possibile, ogni anno, costruire oltre 25 torri Eiffel!