Back to top

Raccolta Differenziata: Foggia bocciata da Legambiente

Differenziata flop a Foggia

A Foggia la differenziara fa flop. A dirlo è Legambiente nel rapporto Ecosistema Urbano, documento che recensisce le province italiane in base al loro apporto alla causa ecologica.

Foggia, in particolare, si è classificata al 29esimo posto su 44. La città pugliese è stata inserita nella classifica delle città medie, quelle che contengono dai 100mila ai 200mila abitanti. Sotto accusa la differenziata, la cui percentuale non raggiunge la media nazionale, che anzi, registra una vera debacle con un ridicolo 3,8%. A tal proposito, Legambiente accusa anche che, de facto, nonostante annunci e proclami, a Foggia non si differenzia, tutt'al più si raccoglie e si smaltisce. Il dato negativo è stato determinato, tra le altre cose, dalle sorti di Amica, l'associazione deputata all'organizzazione della differenziata, fallita di recente.

Tra gli imputati a Foggia figura anche il trasporto pubblico, colmo di disservizi e a pesante impatto ambientale.

L'amministrazione ha dato la colpa alla crisi, alla mancanza di risorse. Legambiente ha espresso scetticismo circa questa interpretazione, obiettando che la crisi colpisce tutte le provincie e che, in ogni caso, buone politiche ambientali possono essere realizzate anche in situazioni di penuria economica. Spiega Tonino Soldo, presidente del circolo Gaia Legambiente di Foggia: "Prima ancora di quella economica, pare esserci una crisi della capacità di fare buona amministrazione. Il rapporto per la nostra città evidenzia una certa inefficienza energetica e del trasporto pubblico, messo sotto pressione dai tagli e incapace di attrarre passeggeri".

In verità, alcune note positive provengono anche da Foggia. Un buon risultato, infatti, è stato raggiunto per quanto riguardo la voce "efficienza energetica". Il consumo giornaliero per capita di acqua è scesa a 129 litri, rivelandosi come il più basso in Puglia. I foggiani, inoltre, sono tra i cittadini che producono meno rifiuti: si parla di 493 kg all'anno procapite.