Back to top

Raccolta Differenziata: a Roma l'Ama approva il piano strategico 2013

L'Ama, la società deputata alla raccolta e allo smaltimento dei rifiuti di Roma, ha varat di recente il Piano Strategico 2013.

Gli obiettivi sono ambiziosi ma comunque realistici. Si punta a implementare la differenziata a Roma il più possibile, e nel minor tempo a disposizione. Sono già stati settato cifre e paletti. Si parla, in riferimento al IV Municipio (la circoscrizione dove verranno sviluppati i progetti-pilota), del 30 % di raccolta differenziata entro il 2013 e del 40% entro il 2014.

Il timore più grande, per gli addetti ai lavori e per i cittadini, ruotava attorno ad un eventuale rialzo delle tariffe. Ebbene, Ama, in un comunicato stampa ufficiale, ha smentito  questa voce di corridoio. La tariffa rimarrà invariata, grazie al denaro recuperato dalla lotta all’evasione. Si legge, infatti: “Il carico fiscale rimarrà invariato, Ciò sarà possibile grazie a un rafforzamento del piano di recupero dell’evasione che, se nel 2012 ha permesso di conseguire risultati per 10 milioni Euro, nel 2013 consentirà, attraverso interventi mirati su evasori totali e parziali, un recupero di 30 milioni di Euro”.

E’ grande la soddisfazione dei dirigenti. In una nota congiunta, Piergiorgio Benvenuti e Giovanna Anelli, rispettivamente presidente e direttore generale di Ama, hanno commentato così: “Esprimiamo viva soddisfazione per l’approvazione in Cda del Piano Strategico 2013 di Ama. Il piano consolida gli obiettivi di miglioramento industriale ed economico-finanziario, inoltre, attraverso la ricerca dell’efficienza e il rafforzamento della presenza nel ciclo dei rifiuti, consente un posizionamento di primo piano dell’azienda nel contesto europeo del settore. I punti più rilevanti sono il forte sviluppo previsto nella raccolta differenziata, il contenimento dei costi e il recupero dell’evasione. Questi ultimi aspetti economico-finanziari hanno una valenza sociale notevole poiché, nella città di Roma, consentiranno di mantenere invariata la tariffa per i servizi di igiene urbana”.