Back to top

Prodotti erotici naturali: l’ecologia al servizio dell’erotismo

eco

In alcuni paesi si sta affermando sempre con più forza un nuovo filone dell’erotismo, che si potrebbe definire erotismo ecologico, cioè che rispetta l’ambiente. Si tratta di preservativi fatti con materiali ecocompatibili, lubrificanti naturali e vibratori senza plastica nociva.

Il paese capolista in tal senso è la Francia, a conferma dell’attenzione che hanno i francesi per l’ambiente e l’ecologia (si pensi ad esempio alle numerose aziende produttrici di cosmetici naturali, quindi senza alcun additivo chimico).

L’azienda precorritrice in tal senso è Divinextases, che già due anni or sono ha lanciato sul mercato i primi prodotti erotici totalmente naturali, acquistabili on line. L’impresa negli ultimi anni ha addirittura triplicato il proprio fatturato ed attualmente si pone sul mercato transalpino come leader nel settore, con beneficio anche per l’aumento dei posti di lavoro.

Ora Divinextases ha in mente di espandere il proprio mercato oltre i confini francesi.

Ma vediamo nel dettaglio a cosa ci riferiamo quando parliamo di prodotti erotici naturali.

La gamma è vasta e spazia dagli olii per il corpo commestibili, ai balsami, fino ai profumi intimi; tutti i prodotti sono realizzati in Francia. Non vengono utilizzate sostanze ritenute inquinanti per l’ambiente o comunque nocive per l’uomo come l’olio di palma, bensì burro di karité o cera d’api, di cui sono note le proprietà nutritive ed emollienti. Ma non solo. Anche l’imballaggio esterno è completamente riciclabile al 100%.

Anche i Laboratori Claude hanno scommesso sul settore e dal 2010 distribuiscono in farmacie, negozi e sexy shop delle pillole naturali, per il piacere della coppia (favoriscono tra le altre cose la dilatazione di lei e ritardano l’eiaculazione di lui), nonché dei dolcetti da consumare con il proprio partner.  I laboratori Claude prevedono di aumentare il loro fatturato nel prossimo anno di oltre il 300%. In tal caso i prodotti non sono realizzati in Francia completamente, poiché molte piante utilizzate, stimolanti dell’attività sessuale, non crescono in Francia, ma oltre Europa.

Se la Francia è in pole position, il resto d’Europa non sta certo a guardare. E così in Inghilterra troviamo i preservativi realizzati non con lattice, bensì con carbonio neutro, fabbricati in Germania con latex naturale proveniente dai boschi dell’India. Ed ancora, per gli amanti dei giochetti erotici e dell’ambiente, ci sono aziende che per ogni acquisto realizzato sui loro siti promettono di piantare un albero in Perù contro la deforestazione dell’Amazzonia ed invitano i propri clienti a riciclare i loro giochi sessuali.

I punti deboli di questi prodotti, almeno nella maggior parte dei casi, sono i prezzi alti e la scarsa pubblicità che di essi se ne fa.

Una nota curiosa che vogliamo segnalarvi: vibratori che si ricaricano attraverso dei mini pannelli solari, della marca Passage. Tuttavia molti di essi hanno riscontrato problemi di funzionalità. Per questo nei laboratori si sta progettando un nuovo vibratore più efficiente e che funzioni con energia solare.

Ciò che accomuna tutte le case produttrici è l’obiettivo di conciliare sempre di più il rispetto per l’ambiente con la voglia di non rinunciare a prodotti che possano rendere la propria vita sessuale più soddisfacente. In tale contesto uno sguardo deve essere dato anche ai costi dei prodotti, che in alcuni casi ci sembrano davvero eccessivi. Affinché la tutela dell’ambiente non diventi solo una prerogativa di chi ha le possibilità economiche, ma sia un obiettivo facilmente raggiungibile da tutti.