Back to top

PNEUMATICI ESTIVI ECOLOGICI, QUALE SCEGLIERE?

Category:
Quando arriva il momento di sostituire le gomme occorre valutare bene quale modello scegliere. Questo perché lo pneumatico è un elemento importante dell’auto, in quanto anche da lui dipenderanno i consumi, confort e sopratutto livello di sicurezza alla guida.

In questo articolo si classificano i cinque migliori pneumatici estivi ecologici, destinati alle auto più comuni in circolazione, le utilitarie e le city car.

1° posto Continental EcoContact 5

Non è un caso se un quarto delle auto prodotte in Europa escano dal concessionario con pneumatici Continental. L’ EcoContact 5 è un ottima gomma, caratterizzata da una bassa resistenza al rotolamento, leggi minori consumi, una lunga durata chilometrica e una maggiore sicurezza nelle frenate su asfalto bagnato. Il pneumatico è stato del tutto ridisegnato dai tecnici tedeschi, dalla carcassa al disegno del battistrada. Anche la realizzazione è stata rivista, con una nuova mescola. Tutte modifiche che hanno portato grandi miglioramenti rispetto al modello precedente, come 12% di chilometri in più, un risparmio di carburante del 3% e ben il 20% in meno di resistenza al rotolamento

2° posto Hankook Kinergy Eco K425
Nuova generazione di pneumatici quelli della serie Kinergy Eco, con comportamenti migliori nella sicurezza, nel confort e nel rispetto dell’ambiente. Kinergy è la contrazione di KINetic enERGY, l’energia cinetica, punto in cui il nuovo pneumatico Hankook ha lavorato molto per ridurla rispetto i concorrenti. Utilizzando nanoparticelle di silicio nella mescola, si è ridotta la resistenza al rotolamento del 12%, andando a ridurre i consumi di carburante, le emissioni di CO2 e ad aumentare la durate della gomma. Anche nel campo della sicurezza si sono ottenuti grossi risultati, in particolar modo su bagnato, dove lo spazio di frenata si è ridotto del 8%.

3° posto Pirelli Cinturato P1 Verde

Appositamente studiato per city car e berline compatte, il P1 si inserisce nella famiglia “cinturato” (P4, P6 e P7). Questa linea di pneumatici Pirelli sono progettati per aver una maggiore durata, minori consumi, bassa rumorosità e maggiori performance su strada, andando ad aumentare la sicurezza, in particolare sul bagnato. Test Pirelli dimostrano un minore resistenza al rotolamento del 25%, riduzione dei consumi del 4%, riduzione dello spazio di arresto del 4% su asciutto e 3% su bagnato. Risultati raggiunti riducendo il peso, lavorano sui fianchi, sulle mescole e sul disegno del battistrada. Il Pirelli Cinturato P1 per alcune misure è disponibile anche run flat.

4° posto Bridgestone EP 150 Ecopia

Punti di forza di questo pneumatico sono la bassa resistenza al rotolamento, come conseguenza il risparmio di carburante, una maggiore sicurezza su bagnato e la grande manovrabilità mantenendo una stabilità ottimale. Le tecnologie innovative del costruttore giapponese hanno portato a una migliore aderenza su bagnato, con un disegno del battistrada dotato di ampie scanalature per eliminare l’acqua e ridurre il rischio di aquaplaning; la maggiore rigidità del tasselli contrasta l’usura irregolare della gomma.

5° posto Falken - Sincera SN832 Ecorun

Progettazione moderna e potenziale di guida efficiente ed aggressivo sono stati i capisaldi di Falken fin dal suo esordio nel 1983. Tenuta di strada e attenzione ai materiali sono sempre garantiti dal costruttore giapponese. Nel progettare il Sincera SN832 Ecorun si è lavorato molto sulla sicurezza e sulla resistenza al rotolamento. Nel primo punto, il disegno del battistrada, con scanalature longitudinali al centro e larghe all’estero consentono un migliore drenaggio dell’acqua per una maggiore resistenza al fenomeno dell’aquaplaning. La distribuzione della pressione, il profilo ottimizzato e le nuove mescole assicurano maggiore stabilità. L’utilizzo del silice e della tecnologia 4D Nano Design, per ridurre il riscaldamento eccessivo, hanno permesso una migliore resistenza al rotolamento.

Tutti e 5 gli pneumatici presentati hanno una caratteristica in comune, sono verdi. Infatti sono pensati principalmente per ridurre le emissioni di CO2 dell’auto, frutto di minori consumi dovuti alla maggiore capacità di assecondare il rotolamento.

Il parere più importante alla fine è quello del consumatore, quello di chi queste gomme le utilizza tutti i giorni. Su alcuni portali specializzati, una volta scelto il pneumatico richiesto come ad esempio su EuroImportPneumatici (dal quale abbiamo appreso tutte le informazioni), potrete controllare la sezione feedback per ogni pagina prodotto, in cui i clienti possono lasciare un parere sulla gomma e consigliarla o meno a chi è in cerca del prossimo pneumatico per la propria auto.