Back to top

Phoenix Towers: le torri gemelle rinnovabili mangia smog

Category:
foto-torri-gemelle-cina
Grande ed innovativo progetto che arriva dalla Cina, ove saranno costruiti i due grattacieli più alti del mondo, che non avranno solo un pregio estetico ma ambientale, in quanto puliranno l'aria circostante, assorbendo le emissioni nocive!
Il progetto Phoenix, con le Phoenix Towers - questo il nome delle due altissime torri – è una realtà, che si realizzerà nel prossimo 2016, mira a sfruttare le fonti rinnovabili, dal sole al vento, in un paese come la Cina, rinomato per essere uno dei principali produttori di inquinamento atmosferico.
Caratterizzate da numeri da capogiro, le Phoenix Towers saranno realizzate nella cosiddetta “città dei Mille Laghi”, a Wuhan - capitale della Cina centrale - e saranno la coppia di torri “gemelle” più alta del mondo, con un'altezza di ben un km da terra, con un'estensione che coprirà invece sette ettari di un parco, che si estende per 47, su un'isola al centro di un lago, sita a pochi chilometri dal centro della città.
Il progetto delle Phoenix Towers è uno dei quattro masterplan che gli architetti di Chetwoods stanno sviluppando con HuaYan ed oltre a vantare un design unico, che arriva dalla cultura cinese, sfoggia caratteristiche tecnologiche sviluppate nel corso di altri progetti di ricerca, al fine di riciclare l'acqua e ripulire l'aria, contribuendo alla riduzione dell'inquinamento locale.
Le due torri sono una rosa ed una azzurra, a riflettere l'antica metafora della fenice, per cui “Sono draghi o uccelli” un maschio e una femmina “e usiamo questa idea in senso simbiotico, l'uno alimenta l'altro per il bene di tutti.”
La più alta delle torri - quella rosa - ospiterà un caleidoscopio, mosso da una turbina eolica, creando quello che Chetwoods definisce una “meravigliosa esperienza da guardare”, accanto alla quale, i pannelli fotovoltaici, produrranno l'energia elettrica per il progetto e per il distretto; mentre la torre più piccola - quella azzurra - sarà caratterizzata da un giardino verticale, che salirà fino alla cima; ma non è ancora tutto.
La caratteristica architettonica più controversa che forse infatti attira di più, sono le enormi sfere infilate tra le due torri, che andranno ad ospitare ristoranti e piattaforme panoramiche; mentre dal punto di vista tecnico, nel cuore di una delle torri, ci sarà una specie di “camino termico, che usando il calore del sole, attirerà l'aria attraverso i laghi e la userà per raffreddare gli edifici; aria, che sarà filtrata e quindi ripulita dalle sostanze inquinanti e re-immessa nell'ambiente, così come gli edifici ripuliranno l'acqua. Meglio di così!

(Fonte: greenme.it)