PFTBA: la nuova molecola killer per il clima

PFTBA: la nuova molecola killer per il clima

0 Flares

0 Flares


×

gas-serra mondoeco
PFTBA: Una nuova scoperta ci arriva dall’Università di Toronto, un team di ricercatori, nel corso di uno studio sui problemi ambientali ha scoperto il potenziale negativo della PFTBA, più semplicemente conosciuta come: “perflurotributilammina” che è un gas serra 7000 volte più potente della CO2 e capace di una lunga permanenza nella parte bassa dell’atmosfera.

La PFTBA minaccia l’atmosfera, il pericoloso gas è stato individuato dai ricercatori del Dipartimento di Chimica dell’Università di Toronto; purtroppo il gas è del tipo a lunga durata, al PFTBA possiamo quindi attribuire il triste primato di sostanza chimica con il più alto e deleterio impatto sul clima, con gli ovvi e conseguenti effetti deleteri.

Le molecole del PFTBA pare che influenzino gravemente il clima, nell’atmosfera il gas è stato rilevato in quantità massiccia, e questo non fa altro che moltiplicare e modificare l‘impatto climatico complessivo.

La perflurotributilammina, già in uso dalla metà del ventesimo secolo, viene impiegata per realizzare apparecchiature elettriche e per i liquidi termicamente stabili utilizzati nell’industria, e per altri utilizzi tutti industriali. La PFTBA non ha origini naturali, ma viene prodotta, che sa come produrla ma non come eliminarla dall’atmosfera.

La ricercatrice Cora Young ha cosi spiegato: “Il potenziale di riscaldamento globale è un parametro utilizzato per confrontare gli effetti cumulativi di diversi gas serra sul clima nel corso di un periodo di tempo specificato; la PFTBA è estremamente longeva nell’atmosfera e ha un’elevata efficienza radiativa, il risultato che ne deriva è un elevato potenziale di riscaldamento globale. Calcolato su un orizzonte temporale di 100 anni, una singola molecola di PFTBA ha l’impatto climatico equivalente 7100 molecole di CO2″ Gli altri ricercatori che con la Young hanno fatto la scoperta sono: Angela Hong, e Scott Mabury.