Back to top

Ora anche l'università è green

l43-università-studenti-120731075437_big
Studiare online è una delle nuove frontiere dell'università italiana, che si appresta a mettersi alla pari degli altri Paesi europei come Germania, Francia e Inghilterra. Soltanto per quanto riguarda l'anno accademico in corso sono state registrate quasi quarantamila iscrizioni presso gli atenei telematici come ad esempio Unicusano. Consultando questo link è possibile accedere al sito internet ufficiale dell'università ed avere tutte le informazioni sui corsi di laurea a distanza.

L'opportunità di frequentare le lezioni comodamente da casa e conseguire la laurea online non costituisce solamente un vantaggio in termini di tempo, ma si rivela in tutto e per tutto una scelta eco-sostenibile. Proprio per questo l'ateneo Unicusano ha deciso di sposare a pieno la causa ecologica lanciando una serie di iniziative atte a salvaguardare la natura.

Innanzitutto, grazie all'utilizzo della piattaforma digitale si possono ottenere preziose informazioni in merito ad energie, ambiente, economia e quant'altro. Il tutto per merito del sistema "Tecnici 24" messo a disposizione da 'Il sole 24 ore'. L'obiettivo è quello di ridurre al minimo l'impiego di carta: per questo motivo è nata anche la casa editrice Edicusano, che utilizza solamente materiali in formato digitale.

La politica portata avanti dall'ateneo si è estesa anche nella sede universitaria, dal momento che le stampanti presenti nella struttura sono dotate di scanner per poter digitalizzare qualsiasi documento si intenda acquisire. Non più ingombranti faldoni di carta che, ad esame concluso, vengono accatastati in qualche angolo della libreria nella vana attesa di essere riutilizzati, ma pratici file da poter salvare sulla propria chiavetta Usb. La rivoluzione green parte da piccole iniziative come queste, o come la mensa eco-sostenibile a disposizione degli studenti.

Infatti, oltre ad operare una scrupolosa raccolta differenziata, l'università Niccolò Cusano impiega materiali riciclabili per stoviglie, tovaglioli ed altri oggetti da tavola. La filosofia green raggiunge il suo apice con la scelta di utilizzare prodotti alimentari vegetali provenienti esclusivamente dall'orto dell'ateneo. Una trovata che ha del rivoluzionario, totalmente ad chilometro zero e conseguentemente a basso impatto ambientale.

Nessuna necessità di materiali da imballaggio o rifornimenti da chissà quale parte d'Italia o d'Europa, ma prodotti di stagione freschi e genuini. L'attenzione verso la natura e l'intento di utilizzare al meglio le risorse disponibili, ha fatto si che anche l'acqua distribuita all'interno dell'ateneo dovesse essere a chilometro zero. In tutto l'ateneo sono disponibili degli appositi dispenser d'acqua, opportunamente mineralizzata e sanificata, senza dover adoperare confezioni e bottiglie di plastica.

Come se non bastasse, Unicusano ha dato via ad alcuni progetti eco-sostenibili, che interessano sia la mobilità che gli strumenti tecnologici per migliorare la situazione attuale. Dal progetto Hiquad, un treno elettrico per trasporto su strada al Carbon footprint calculator, che consente di misurare il risparmio di anidride carbonica immessa nell'atmosfera, in base alle virtuose abitudini quotidiane dell'ateneo. Infine, grazie al lavoro svolto dai gruppi di studio dedicati, nuove soluzioni ecologiche saranno presto sperimentate e realizzate, con l'unico scopo di risparmiare e gestire meglio l'energia.