Back to top

Norvegia, il paese dove gli over 60 vivono meglio

foto-norvegia
Raggiunta il traguardo della pensione, ci si appresta a godere come si suol dire i “frutti della vita” all'insegna di quella che è una vecchiaia serena; ma attenzione a tutti gli over 60, perchè per vivere davvero bene questo periodo della vostra vita, dovete trasferirvi in Svezia!
Si, si avete capito bene, è arrivato per voi il momento di fare le valigie e di trasferirsi in Norvegia, il paese dove secondo il nuovo Global AgeWatch Index, si vive meglio superati i 60 anni, sotto ogni punto di vista: sicurezza del reddito, salute, capacità personali ed un ambiente piacevole ma soprattutto adatto alle persone di una certa età.
Uno studio realizzato da HelpAge Internatioal, teso a misurare il benessere sociale ed economico degli over 60 e che vede le persone anziane vivere meglio in Europa Nordoccidentale, in Nord America ed in Australia, mentre l'Italia, si piazza solo al 39esimo posto, tra i 96 paesi che sono stati oggetto dell'analisi.
Ma ecco la top 10 dei paesi ove gli anziani vivono meglio:
  1. Norvegia;
  2. Svezia;
  3. Svizzera;
  4. Canada;
  5. Germania;
  6. Paesi Bassi;
  7. Islanda;
  8. tati Uniti;
  9. Giappone;
  10. Nuova Zelanda.

A regalare per così dire, il podio alla Norvegia sono stati valori quali:

  • la sicurezza del reddito con il più alto PIL pro capite dell'area ed un tasso di occupazione tra gli anziani di circa 15 punti %, sopra della media regionale con un 70,9%;
  • il più alto tasso di istruzione tra gli anziani con un 99,4%;
  • la percezione di sicurezza è pari all'86%;
  • la libertà civile è del 96%.

Un infografica, che confrontata col nostro paese, vede l'Italia, superare la Norvegia solo nel campo della salute, con valori superiori alla media regionale, ma quanto agli altri dati, il confronto non regge, come dimostrano i seguenti dati del nostro Belpaese:

  • il tasso di occupazione oltre i 60 anni, è inferiore alla media al 40,4%;
  • il tasso di istruzione tra gli anziani è appena del 41,4%;
  • la percezione della sicurezza si attesta sul 55%;
  • la libertà civile è al 46%.

Una classifica che vede prima dell'Italia piazzarsi paesi come Repubblica Ceca, Costa Rica, Slovenia, Messico, Argentina e Polonia ed in coda invece al Belpaese il Mozambico al 95°, Gaza al 94°, il Malawi al 93° e all'ultimo posto l'Afghanistan. Ma ecco le parole di Toby Porter, Chief Executive di HelpAge sulla classifica stilata:
“Il tasso senza precedenti e la velocità di invecchiamento della popolazione presentano ai responsabili politici una sfida” ha detto “Solo se agiscono ora avranno la possibilità di soddisfare le esigenze dei loro cittadini e mantenere salde le loro economie”.
Cosa certa è che si tratta di una classifica sulla quale riflettere, considerando che si stima, che entro il 2050 oltre un quinto della popolazione mondiale, circa il 21%, avrà più di 60 anni, e secondo l'Onu, nel 2030 il numero di over 60 anni dovrebbe raggiungere gli 1,4 miliardi di unità!

(Fonte: Greenme)