Back to top

Nel nord-est si vive meglio

nord-est si vive meglio

E’ stato pubblicato per il ventesimo anno il rapporto di Legambiente, che stila una classifica in cui si può apprezzare in quali città si vive con la migliore qualità della vita. A guidare questa classifica ci sono le città del nord-est d’Italia: Venezia è la città più grande in cui il tenore di vita è maggiore; Trento è la prima media città in classifica e Belluno è la più piccola città in cui è consigliato vivere.

La classifica è espressa in centesimi e prende in considerazione diversi fattori: qualità dell’ambiente, presenza di infrastrutture, possibilità lavorative, svago, strutture sanitarie, trasporti e sicurezza.

Le noti dolenti però non tardano a presentarsi. Sono infatti solo 10 le città che superano la sufficienza (60/100). Tra le peggiori classificate troviamo i paesi del sud Italia: Palermo, Caltanissetta, Catania, Messina; sono solo alcune delle province in cui la qualità ambientale (e non solo) è carente.

Il focus dell’indagine è posto sulla capacità di produrre energia da fonti rinnovabili, dalla presenza di parchi, di incentivi al risparmio energetico. Ma ad allarmare sono i dati raccolti per ciò che concerne l’accesso a fonti d’acqua potabile, lo smaltimento dei rifiuti e dei mezzi pubblici. La comunità Europea impone una media del 65% per le Città, per quanto riguarda la raccolta differenziata. Ad Enna e Siracusa la percentuale di raccolta differenziata è del 5%. Dati su cui ragionare e (soprattutto) intervenire.