Back to top

Natural Capital Project: per sapere quanto vale un ecosistema

Category:
Natural Capital Project mira a quantificare il valore economico della salvaguardia di un ecosistemaChe la difesa della natura fosse importante per la nostra sopravvivenza è cosa risaputa, meno noto invece è il valore economico che può avere un ecosistema. Nel corso degli anni ci si è abituati a quantificare, dal punto di vista del vil denaro, cosa si può ricavare dall'abbattimento di un albero, dal radere al suolo una foresta; nessuno fino a questo momento si è posto il problema di quanto invece possa valere, sempre dal punto di vista economico, salvaguardare una foresta o un particolare ecosistema. Chi sta cercando di sopperire a questa mancanza, convinti che riuscire a dare un valore alla difesa dell'ambiente significherebbe avere anche interventi e risposte più rapidi da parte dei vari governi, è Natural Capital Project (NatCap), progetto partito nel 2006 e al quale collaborano le Università di Stanford e di Cambridge oltre a due delle più importanti associazioni ambientaliste come Wwf e Nature Conservancy.

Il NatCap, che si avvale degli studi di Gretchen Daily, una biologa di Stanford che nella sua esperienza professionale ha assistito con i propri occhi nell'ex Germania dell'Est a quali disastri possa portare l'industrializzazione forzata, si pone come obiettivo quello di riuscire a quantificare il ricavo economico che si può ottenere dal preservare un ecosistema rispetto al procedere con il disboscamento.

Dal lavoro degli studiosi, che si rifà studi effettuati dalla Daily in Costa Rica che vanno avanti dal 1991, è nato Invest,  Integrated Valuation of Ecosystem Services and Trade-off (valutazione integrata dello scambio e dei servizi dell'ecosistema), un software che dà la possibilità di individuare e valutare i beni ambientali e i servizi che possono rendere: si parla ad esempio dei vantaggi che si possono ottenere con la prevenzione delle inondazione. Il progetto prevede risultati nel lungo tempo ma intanto incassa la collaborazione dei Paesi di America Latina, Africa, Asia mentre Invest è in procinto di entrare a far parte della piattaforma di Google Earth.