Back to top

Mobilità Elettrica: SCAME PARRE nel gruppo E-Mobility di ANIE

Category:
ricarica auto elettrica_ Scame Parre spaLa Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche (ANIE) ha costituito nel giugno 2012 il Gruppo E-Mobility con l’obiettivo di affrontare le tematiche tecniche e strutturali legate alla mobilità elettrica.
L’impegno di ANIE per lo sviluppo della mobilità elettrica è creare e realizzare progetti industriali che puntino ad un’effettiva diffusione dei veicoli elettrici sul territorio italiano, in linea con la Strategia Europa 2020, all’interno del documento Trasporti 2050, in cui è prevista la riduzione del 60% delle emissioni di CO2 provenienti dai combustibili fossili utilizzati nei trasporti.
Fra i temi di maggior rilievo posti all’attenzione dal Gruppo E-Mobility c’è la questione normativa che riveste ampia rilevanza nel tracciare delle linee guida comuni a tutti gli attori della filiera e porre chiarezza su standard e processi evolutivi del mercato stesso. Uno dei primi obiettivi è infatti la realizzazione di un documento tecnico di sintesi, una sorta di Green Book, che possa definire capacità e competenze delle aziende ANIE nel proporre le diverse soluzioni per i dispositivi di connessione utilizzabili dal mercato. Il Gruppo E-Mobility dovrà anche cercare di sensibilizzare le Istituzioni sulle tematiche trattate, dando evidenza alle competenze tecnologiche delle aziende elettrotecniche ed elettroniche aderenti ad ANIE.
Scame Parre spa, in prima linea nel Gruppo E-Mobility, ha raccolto già da tempo la sfida a favore della mobilità elettrica ed è oggi leader nel settore delle infrastrutture di ricarica per i veicoli elettrici stradali grazie alla gamma completa di prodotti Serie LIBERA, che comprende stazioni di ricarica e connettori per ambienti pubblici e domestici. Scame Parre partecipa attivamente anche in ambito internazionale attraverso i comitati di norma europei delegati allo sviluppo normativo dei connettori e delle infrastrutture di ricarica.
Scame e ANIE insieme per stilare il nuovo Green Book italiano.