Back to top

Mobilità ciclistica: in progetto pista ciclabile lunga 20mila chilometri

bici
Una rete nazionale per le due ruote lunga almeno 20 mila chilometri per attraversare tutta l'Italia in bicicletta; e di una serie di servizi agevolati nelle stazioni, nei porti e negli aeroporti. Questi obbiettivi sono il traguardo ambizioso del disegno di legge, elaborato dal Gruppo interparlamentare sulla mobilità ciclistica.

[adrotate banner="16"]

La bozza di legge è stata presentata il 14 febbraio dal deputato del PD Antonio Decaro, nel corso di un seminario promosso a Montecitorio dalla FIAB, la Federazione Italiana Amici della Bicicletta. I gruppi presenti hanno discusso a lungo per arrivare alla soluzione giusta per rendere l’Italia un Paese bike friendly, partendo dalle esperienze di successo maturate negli altri Paesi europei.

Il progetto contempla le cosiddette zone 30, cioè le aree urbane con un limite di velocità inferiore ai 30 km orari, e i piani di prevenzione dei furti di biciclette, fino alla realizzazione della rete nazionale a due ruote, il seminario ha dato vita alle basi per lo sviluppo di una mobilità ciclistica nel nostro Paese, moderna ed efficiente. La legge per un’Italia bike friendly comprende misure essenziali per favorire la mobilità sostenibile.

Le misure più importanti da adottare sono:  l’obbligo per i costruttori di prevedere spazi per le bici negli edifici e all’esterno di essi, come per i posti auto; la presenza di velostazioni e ciclofficine nelle stazioni ferroviarie e nelle autostazioni per le riparazioni e l'assistenza bike. Un monitoraggio ottimizzato nelle aree urbane in cui si verificano più furti di biciclette.

Le persone che si spostano in bici sono circa 7 milioni, un vero esercito a due ruote, costretto a muoversi su piste ciclabili inadeguate e strade urbane pericolose per i ciclisti; i vantaggi ambientali ed economici con la realizzazione di una rete nazionale per le biciclette sarebbero davvero molti, prima di tutto la riduzione del traffico urbano, dell’inquinamento, delle malattie e dei costi sanitari correlati allo smog.