Back to top

Meno rifiuti in 10 mosse la campagna dei Comuni virtuosi

Category:

Ritorna l'iniziativa dell'ACV Meno rifiuti in 10 mosse la campagna dei Comuni virtuosi che coinvolge produttori, consumatori e distributori per intervenire in maniera adeguata nella riduzione dell'impatto ambientale nell'utilizzo degli imballaggi. Un uso e consumo di un packaging che rispetta l'ambiente per innovare il settore, creare nuova occupazione e migliorare, in 10 mosse, il benessere dell'ambiente e di tutti.


riciclo-rifiutiSi chiama Meno rifiuti in 10 mosse la campagna dei Comuni virtuosi giunta alla seconda edzione con il contributo di importanti aziende operanti nella produzione e distribuzione di prodotti di largo consumo. Dalle aziende del settore alimentare, ai marchi più importanti che producono prodotti di cosmesi e per la pulizia della casa, l'Associazione dei comuni virtuosi ha chiesto di firmare una petizione per comunicare ai cittadini l'impegno pubblico all'uso responsabile del packaging. Al momento, la proposta presentata da oltre 300 enti locali e da diverse associazioni chiede alle aziende di produrre meno rifiuti con queste 10 mosse.


1. Innovare i propri prodotti creando un design di packaging intelligente e sostenibile. 2. Ridurre al minimo l'utilizzo degli imballaggi, eliminando l'utilizzo di confezioni accessorie e migliorando il riciclo. 3. Eliminare le componenti di imballaggio difficili da riciclare come ad esempio le etichette "sleeves" e i materiali come il PLA e quelli lavorati con additivi e coloranti per i quali non esistono ancora impianti per il riciclo. 4. Incentivare la distribuzione e il consumatore ad utilizzare confezioni a rendere come il vetro o la plastica infrangibile. 5. Utilizzare materiale riciclato per il packaging dei prodotti. 6. Monitorare con misure e codifiche semplici il grado di riciclabilità dell'imballaggio. 7. Comunicare nella GDO l'assortimento di prodotti con imballaggio riciclabile per migliorare l'orientamento ecologico del consumatore. 8. Ridurre e dove possibile eliminare l'eccessivo imballaggio per la logistica della distribuzione. 9. Favorire con comunicazioni adeguate nella GDO l'utilizzo di contenitori portati da casa per i prodotti per la pulizia, per gli alimenti e per gli ortaggi. 10. Valorizzare nella GDO i prodotti con parti intercambiabili di uso quotidiano come il rasoio o lo spazzolino.