Back to top

L'inquinamento frena il riscaldamento globale. Provocazione o evidenza scientifica?

inquinamento riscaldamento

Uno studio inglese dimostra che l'inquinamento atmosferico sarebbe in grado di rallentare il riscaldamento globale. Una conclusione, questa, che se confermata ulteriormente potrebbe cambiare radicalmente il modo di pensare al riscaldamento globale e all'inquinamento stesso.

Lo studio è stato condotto dai ricercatori dell'Università di Manchester ed è stato pubblicato sul magazine scientifico Naturale Geoscience. La conclusione è la seguente: l'inquinamento industriale da "veicoli" (ossia generato dai tubi di scappamento delle automobili) contribuirebbe ad aumentare la temperatura atmosferica. Questo perché le sostanze inquinamento rendono "brillanti" le nuvole le quali, forti di questa caratteristica, riflettono con più efficacia i raggi solari verso la direzione dello spazio. Meno raggi solari entrono a contatto con la superficie terrestre, meno calore quest'ultima acquisisce.

Gordon MacFiggan, professore dell'Università di Manchester e co-autore dello studio, ha affermato: "Abbiamo scoperto che i composti organici, come quelli formati dalle emissioni naturali o dagli scarichi dei veicoli, influenzano il numero di gocce in una nuvola e quindi la sua luminosità, riuscendo a raffreddare il clima".

Si tratta di uno studio che potrebbe imprimere una svolta nella percezione della questione inquinamento-riscaldamento globale-effetto serra. Attualmente, il mainstream suggerisce che l'inquinamento, ben lunghi dall'essere considerato un fattore positivo in termini di riscaldamento globale, contribuisce ad aumentare l'effetto serra che, a sua volta, è responsabile dell'aumento della temperatura atmosferica.

La conclusione della ricerca di Manchester rappresenta un cambio di prospettiva. Il riscaldamento avrebbe una causa naturale e non dipenderebbe dall'azione dell'uomo che, di contro, con il suo comportamento inquinante si rende inconsapevole protagonista di un rallentamento del riscaldamento. In ogni caso, rimarrebbe però il dato circa l'impatto, pesantissimo e foriero di numerose patologie, dell'inquinamento sulla salute umana, come ribadito dagli ultimi report dell'Onu (avente per argomento lo sviluppo industriale).