Back to top

Legambiente contro Crocetta: pochi investimenti per l'ambiente

Category:
Crocetta contro Legambiente

Legambiente Sicilia punta il dito contro il Presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta. Le accuse sono abbastanza gravi e sono state espressa per bocca del responsabile regionale Mimmo Fontana sul Corriere del Mezzogiorno.

Rosario Crocetta si è vantato più volte di essere un progressista puro, a tratti rivoluzionario, e di essere persino "più grillino dei grillini". Eppure, evidentemente, qualcosa nelle ultime settimane è andato storto. Il Movimento 5 Stelle è passato all'opposizione e ha denunciato un certo grado di clientelismo incompatibile con la loro visione della politica. Le accuse di Legambiente sono simili ma sono più specifiche. Nella finanziara presentata al Consiglio Regionale Siciliano ci sarebbero delle voci di spesa strane e un netto cambio di rotta rispetto alle politiche portate avanti fino ad adesso dallo stesso Crocetta. Sempre secondo Mimmo Fontana di Legambiente, le spese per l'ambiente sono state ridotto all'osso. Addirittura, i finanziamenti per la manutenzione delle riserve naturali sono stati rimandati a "dubbie entrate", ossia a quelle generate dal risparmio nel sistema sanitario.

Parallelamente, Legambiente denuncia un alto grado di spese in consulenze, sintomo di una politica clientelare, estranea alle necessità, soprattutto ambientali, della Regione.

Ecco cosa ha dichiarato Mimmo Fontana al Corriere del Mezzogiorno: "Sarebbero stati sufficienti pochi milioni di euro per garantire il sistema delle riserve naturali o per il funzionamento dell'Arpa e invece nella notte del primo maggio, con uno stravolgente emendamento all'articolo 53 della finanziaria, è stato previsto che la copertura di tali spese, peraltro incomprimibili e relative a funzioni obbligatorie, verrà (forse) garantita solo dal risparmio realizzabile sul servizio sanitario. A spese certe si dovrebbe far fronte, quindi, con entrate dubbie. Così non è stato per le spese di natura clientelare che hanno avuto immediata copertura a danno di ambiente e ben culturali".