Back to top

Le città medio-piccole sono quelle più eco-sostenibili

Category:
vicenza-energia

Un buon amministratore si vede, al giorno d'oggi, dalla capacità di conciliare efficienza dei servizi e rispetto per l'ambiente. E' opinione comune che un simile traguardo possa essere raggiuno solo per mezzo di grandi risorse economiche, e che quindi ciò sia appannaggio solo delle grandi città. E invece no. Secondo lo studio promosso dal Centro Documentazioni e Studi Comuni Anci-Ifel, chiamato "L'italia delle città medie" emerga una verità del tutto opposta: sono le città medie, e anche quelle piccole, a brillare per eco-sostenibilità. Probabilmente, si potrebbe azzardare, per il numero spesso ristretto di residenti, ma c'è dell'altro.

Lo studio ha coinvolto 94 amministrazioni di città dai 45mila in su. Le città prese in considerazione sono state comunque 105.

Inizialmente è emerso un primo dato contraddittorio, e per nulla tendente all'eco-sostenibilità. Le città con il numero di abitanti, infatti, hanno fatto registrare un numero mediamente più alto di automobili in circolazione. Il tasso di motorizzazione nei centri medi è del 63,8%, quello delle cittò metropolitano invece è del 62,7, in linea con la media nazionale (62,5). Nelle città medie, però, si è riscontrato un tasso più elevato di automobili a basso impatto ambientale. Il 67,1% delle auto è, nei centri urbani medi, di categoria euro 3. La percentuale si abbassa di due punti percentuali se si prende il riferimento le città metropolitane. La media in italia è però più bassa e corrisponde al 63% del totale di autovetture.

Ottimi i risultati sul fronte della differenziata. La media nazionale è del 35%. Le città media però fanno registrare un valore medio del 37%, mentre le città metripolitano fanno registrare un valore del 24%.
Tags: