Back to top

Inquinamento : Le Sostanze Nocive E I Settori

Allarme inquinamento: ma quali sono le sostanze emesse nell’atmosfera? Sappiamo benissimo che sono queste sostanze a determinare un profondo cambiamento dell’intero ecosistema della Terra, influendo sul clima e sulla scomparsa di alcuni habitat.


inquinamento

L’Inquinamento turba alcuni equilibri, che poi portano ad una serie di enormi problemi, che se non tenuti in considerazione possono seriamente mettere a rischio il futuro del pianeta. Inquinamento atmosferico determina proprio l’alterazione delle caratteristiche fisiche dell’atmosfera.  Quali sono le sostanze emesse e da quali attività derivano?

Sono chiamati gas serra tutti quei gas che se emessi nell’atmosfera possono modificarne la struttura: i più importanti sono CO2, protossido di azoto e gas fluorurati. Il Protocollo di Kyoto ha infatti ampiamente regolamentato di alcuni tipi di emissioni molto dannose per l’atmosfera: CO2, N2O, CH4, esafluoruro di zolfo (SF6), idrofluorocarburi (HFCs) e perfluorocarburi (PFCs).


Ciò che non sempre si comprende è che questi gas derivano da diverse attività. L’inquinamento atmosferico non proviene solo dalla combustione, ma anche dall’agricoltura, dalla deforestazione o da alcuni processi produttivi delle industrie.


Il World Resources Institut, organismo facente capo all’ONU, che analizza i cambiamenti climatici,  ha recentemente pubblicato una ricerca davvero molto interessante, Sono state calcolate le emissioni di gas nocivi totali a partire dal 2005, dividendole per settori: i risultati emersi fanno riflettere.



Settore energetico


Come ormai hanno capito la maggior parte degli organi di Governo mondiale, il settore che emette gas tossici per la maggior parte è quello che riguarda l’energia: il 65,5% del totale delle emissioni di gas serra.


L’umanità mondiale è onnivora dal punto di vista energetico, ecco perché negli ultimi anni le soluzioni innovativi si stanno diffondendo ampliamente, con la consapevolezza che è necessario fonti alternative di energia. In dettaglio le emissioni riguardano: Energia elettrica e calore che emette il 24,9%;  Industria 14,7%; Trasporti 14,3%; Combustione di altri combustibili 8,6%; Fughe 4%.



Settore agricolo


Il restante 33,5% è suddiviso, nell’ordine, dalle emissioni provenienti dal settore agricolo (13,8%), la deforestazione (12,2%), i processi industriali (4,3%) e i rifiuti (3,2%). Anche l’agricoltura ha bisogno di un ripensamento e una riorganizzazione dei processi produttivi in linea con lo sfruttamento di nuove forme di energia. Un  aspetto da notare è che i livelli di emissioni sono in continua evoluzione e che per avere numeri globali precisi c’è bisogno di molto tempo.