Back to top

I broccoli contro il cancro orale.

Una dieta ricca di verdure della famiglia delle crocifere come i broccoli può aiutare a ridurre il rischio di sviluppo alcuni tumori, come quelli al seno, alla prostata, al colon e ai polmoni, com'è stato  evidenziato da vari studi negli ultimi anni. Ora i ricercatori statunitensi stanno lavorando allo sviluppo di composti naturali derivati dai broccoli che possano proteggere contro il cancro di testa e collo, o almeno impedire una recidiva in pazienti che hanno già avuto questo tipo di tumore. L'estratto di germogli di broccoli protegge contro il cancro orale nei topi ed è tollerabile in un piccolo gruppo di volontari umani sani, conclude un'indagine dall'Istituto del Cancro dell'Università di Pittsburgh (UPCI), e la UPMC Cancer Center, resa pubblica nella riunione annuale della American Association for Cancer Research a Philadelphia, Stati Uniti. "Stiamo sviluppando una molecola naturale sicura che si trova nelle verdure crocifere per proteggere il rivestimento orale dove si formano questi tumori " dice Julie Bauman, co-direttrice della sezione di cancro della testa e del collo del UPMC. Studi precedenti, tra sperimentazioni su larga scala in Cina hanno dimostrato che le verdure crocifere che hanno alte concentrazioni di sulforafano, come broccoli, cavoli e crescione contribuiscono ad attenuare gli effetti di cancerogeni ambientali. Bauman ha collaborato con il Dr. Daniel E. Johnson, professore di Medicina presso l'Università di Pittsburgh e ricercatore senior presso l'UPCI, per testare il sulforafano in laboratorio. Per diversi mesi, Johnson e il suo team hanno sumministrato sulforafano a topi predisposti al cancro orale e hanno scoperto che ciò ha ridotto significativamente l'incidenza e il numero di tumori. "Il chiaro vantaggio del sulforafano nella prevenzione del cancro orale nei topi aumenta la speranza che questo composto ben tollerato può anche agire per prevenire il cancro orale negli esseri umani che affrontano una esposizione cronica a inquinanti ambientali e cancerogeni" dice Johnson.