Back to top

Fotovoltaico, a Marradi scuola autonoma grazie al solare

L'Autonomia della scuola è anche quella energetica, almeno a Marradi, provincia di Firenze: l'istituto comprensivo Dino Campana è, infatti, da ieri autonoma dal punto di vista energetico grazie all'attivazione dell'impianto fotovoltaico realizzato dal Comune toscano con i fondi della Variante di Valico messi a disposizione dalla Comunità Montana Mugello.

L'impianto fotovoltaico è stato realizzato con una spesa di 161mila euro ed è composto da 78 moduli di silicio policristallino larghi 1 metri e lati 168 centimetri: ognuno di loro ha una potenzia di 225 W e in totale l'impianto ha un picco di potenza di ciarca 17,55KW. L'impianto coprirà l'intero fabbisogno annuo della scuola e permetterà anche un ritorno economico per il Comune: in estate, infatti, quando l'istituto sarà chiuso, l'energia prodotta sarà immessa nella rete di distribuzione Enel. Molto soddisfatto il sindaco di Marradi, Palo Bassetti presente all'inaugurazione, insieme al presidente della Comunità Montana Mugello Giovanni Bettarini: "È un intervento - ha affermato il primo cittadino del comune toscano - che consente alla scuola di essere autosufficiente dal punto di vista energetico e al Comune di risparmiare economicamente. I lavori sono stati realizzati in estate dalla ditta Energroup e non hanno causato alcun disagio agli alunni".

Soddisfatto anche il presidente della Comunità Montana Mugello che ha definito una priorità investire nelle scuole: "Ogni investimento destinato al mondo scolastico è un investimento sui giovani, sul futuro, perchè mette a disposizione gli strumenti per stare bene, studiare e acquisire conoscenze". Bettarini ha poi annunciato che  anche a Borgo sarà installato "sul tetto della scuola media un impianto fotovoltaico che potrà fornire una quantità di energia che servirà a tutto il plesso scolastico, compresa la sezione delle elementari, e parte degli uffici comunali" così come la sede nella sede Comunità Montana e a Vicchio hanno preso il via i lavori che porteranno alla realizzazione di impianti di cogenerazione a biomasse".