Back to top

Fotovoltaco, a Gela piano da 110 milioni di euro

A Gela sarà realizzato presto un polo agro-fotovoltaico con un investimento di 110 milioni di euro: avrà una potenza di 80 MwNascerà a Gela quello che è stato definito come il Polo agro energetico serricolo fotovoltaico più di Europa, che avrà una potenza di 80 MegaWatt. Il polo sarà creato dalla cooperativa floro-orto-frutticola 'Agroverde' di Gela e produrrà energia pulita grazie agli impianti che verranno realizzati su una superficie totale di 230 ettari; gli impianti sorgeranno nelle contrade "S. Antonio", "Cappellaia" e "Bruca", nella zona orientale della città e si prevedono investimenti per 110 milioni di euro. Il 35% del denaro necessario deriverà dai contributi previsti dal contratto di programma.

Grazie alla realizzazione del polo fotovoltaico si avranno 500 nuovi posti di lavoro per la fase realizzativa e 250 per la gestione permanente. All'interno di queste aree le serre saranno coperte da pannelli fotovoltaici così, mentre sopra sarà prodotta corrente elettrica a inquinamento zero, sotto continuerà la produzione di prodotti ortofruttivoli; è già prevista anche la costruzione di un impianto di co-generazione per trasformare i vegetali di scarto in energia.

Le serre andranno ad occupare circa la metà della superficie del parco (117 ettari) dove sarà realizzata anche un grande strada che sostituirà la provinciale. Ci saranno poi aree verdi per 10 mila metri quadrati che saranno destinate a aventi culturali, religiosi e turistici; previsti anche punti di ristoro e un centro di promozione dell'energia rinnovabile e dei progetti innovativi esemplari riguardanti la realizzazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili, con la sensibilizzazione dei giovani in età scolare.

Per il progetto, dopo il via libera della giunta, si aspetta che il consiglio comunale di Gela autorizzi la stipula di un protocollo di d'intesa con Agroverde per dare il via libera all'esproprio delle aree. Il polo consentirà anche al Comune siciliano di ricevere il 3% della vendita dell'energia elettrica: soddisfazione è stata espressa dal sindaco Angelo Fasulo e dal presidente dell'Agroverde, Stefano Italiano, che sono stati i promotori del progetto.