Back to top

Foggia: differenziata al via ma solo dopo l'estate

Differenziata flop a Foggia

Foggia è pronta per la differenziata. Che per partirà solo dopo l'estate. L'amministrazione locale ha dunque realizzato che la raccolta differenziata rappresenta l'unico modo per risolvere un'emergenza rifiuti che ha attanagliato la città per molto mesi. Sono ancora impressi nella memoria dei foggiani le strade piene di immondizia, mentre per alcuni di loro il problema addirittura persiste. Colpa di una gestione fraudolenta della società deputata allo smaltimento dei rifiuti, fallita nel giro di poche settimane.

Foggia ha dunque il suo piano per la differenziata. Esso procede da un cospicuo finanziamento, due milioni di euro, frutto di un accordo stipulato di recente tra la giunta del Comune di Foggia e l'Assessorato alla Qualità dell'Ambiente della Regione Puglia.

Tuttavia, è ancora presto per esultare. La differenziata partirà solo in estate, sotto forma di progetto pilota, senza il coinvolgimento della totalità della popolazione. Inizialmente la raccolta differenziata coprirà solo alcune aree di periferia, per un totale 7 km quadrati. La differenziata sarà "affare" di 65mila persone, corrispondenti a circa 23mila famiglie. Molte le attività commerciali che saranno chiamate a differenziare i propri rifiuti: 776 in tutto, tra cui spiccano 210 negozi non alimentare e 136 negozi alimentari.

La differenziata non si declinerà nel metodo del porta a porta, giudicato dai più quello più efficace. Si declinerà, invece, con il metodo della raccolta di "prossimità". Verranno posti cassonetti di plastica accanto all'entrata di ogni condominio, edificio, negozio etc.

Il sindaco di Foggia ha espresso comunque grande soddisfazione: "È la ragione che mi induce a parlare di sfida per una vera e propria rivoluzione culturale che ciascuno di noi è chiamato a raccogliere, moltiplicando i risultati positivi che si sono raggiunti e migliorando il servizio della differenziata tradizionale".