Back to top

Fine del mondo, la data ufficiale secondo gli scienziati

fine-del-mondo

Pensate fossimo scampati alla fine del mondo una volta preso atto del fallimento della profezia Maya? E invece no, ci hanno pensato alcuni scienziati inglese ad alimentare la paura ormai quasi dissolta. Alcuni ricercatori dell'Università dell'Est Anglia si sono "divertiti" a contare quanti giorni mancano dalla fine di ogni cosa. Scientificamente. Quando scomparirà la Terra? E in che modo? Tutte le risposte, nel loro ultimo studio. La buona notizia è che possiamo tirare un sospiro di sollievo: il fatidico giorno non è poi così vicino.

I Maya hanno sbagliato di 2 miliardi di anni. Il mondo, infatti, finirà durante un'intervallo di tempo compreso tra il 1,7 miliardi D.C. e il 3,2 miliardi D.C. In questo futuro, per fortuna molto remoto, il nostro bel pianeta avrà perso quasi del tutto le sue tradizionali caratteristiche di abitabilità. Le cause di tutto ciò non hanno molto a che fare con la Terra, bensì con il sole. La nostra stelle entrerà nella cosiddetta "zona calda", periodo che precede lo spegnimento e in cui la temperatura sale in maniera abnorme. Gli oceani evaporeranno, dunque farà decisamente troppo caldo per sopravvivere. Alla fine, solo alcuni microbi, per giunta di nicchia e particolarmente resistenti alle alte temperature, riusciranno a sopravvivere. Per il resto, tutte le specie animali e vegetali moriranno.

Lo studio illustra anche il metodo con il quale è stata calcolata la data (molto approssimativa come si è vista) della fine dei tempi. Andrew Rushby, scienziato capo del progetto, l'ha riassunto così: "Abbiamo utilizzato il concetto di ‘zona abitabile’ per elaborare queste stime – ovvero la distanza da una stella di un pianeta in cui le temperature sono favorevoli ad avere acqua liquida in superficie. Utilizzando modelli di evoluzione stellare per valutare il ciclo di vita dei pianeti, abbiamo ipotizzato il termine oltre il quale non potranno essere più abitati: per la Terra crediamo debba essere fissato tra gli 1,75 e 3,25 miliardi di anni".