Back to top

Finalmente le strutture! Auto elettriche, semaforo VERDE

Category:
bollette

Buone notizie per il mercato delle auto “verdi”. E’ stato approvato, infatti, il piano infrastrutturale per le torrette di alimentazione dei veicoli elettrici. Si tratta di un investimento di 50 milioni di euro, che porterà, entro il 2020, all’installazione di 130.000 punti di ricarica in tutta Italia (90.000 dovrebbero essere già pronte per il 2016). Sono già in atto degli studi per stabilire dove posizionare le postazioni, a seconda della densità abitativa e dalla richiesta potenziale. Sarà possibile anche ai privati installare le postazioni di ricarica, ma queste dovrebbero restare in percentuale marginale rispetto a quelle pubbliche, che saranno attivabili attraverso una smart card.

Il ministero delle infrastrutture e dei trasporti finanzierà il progetto, per il 50%, il restante 50% sarà a carico degli enti regionali e locali, con un piano quinquennale. Per rendere possibile le installazioni delle torrette, però, dovranno essere attuate delle modifiche strutturali a edifici e costruzioni, e per incentivare i proprietari privati a favorire l’insediamento delle strutture eco, sono previsti agevolazioni e sgravi fiscali per chi aderirà al progetto.

Inoltre, dal Giugno 2014, per i nuovi edifici di media/grande dimensione, sarà obbligatorio installare, nei parcheggi, almeno una postazione di ricarica. I condomini possono liberamente approvare e procedere all’installazione di una torretta di ricarica, mentre per gli edifici appartenenti alle pubbliche amministrazioni, per il momento, non è previsto nessun obbligo.

Siamo forse davanti a una svolta che si può definire quasi epocale per il “mondo eco”. Quante volte abbiamo denunciato l’assenza di infrastrutture come discriminante di fallimento nella diffusione dei veicoli elettrici? con questo piano, sulla carta perfetto, si può davvero dare una svolta e cambiare marcia, permettendo alle auto elettriche di diffondersi, solide di un servizio efficiente e puntuale. Staremo a vedere.