Back to top

Eolico, parco record in Sardegna

È stato inaugurato in Sardegna il parco eolico più grande d'Italia: a pieno regime produrrà 300 GW/l'anno e farà risparmiare 180mila tonnellate di Co2È il più grande parco eolico in Italia: 4mila ettari di territorio tra Budduso e Ala dei Sardi in Gallura (Sardegna), ospitano l'impianto capace di soddisfare il fabbisogno energetico di 11mila famiglia. Il parco eolico è stato realizzato dalla Falck Renewables e consentirà di ridurre le emissioni di anidride carbonica di circa 180mila tonnellate ogni anno. Il parco eolico sardo è dotato di 69 turbine, alte 100 metri, che sono state realizzata a 900 metri sul livello del mare: quando l'impianto andrà a pieno regime riuscirà a produrre 300 GW l'anno, con una fatturato di 50milioni di euro. Intanto però entro novembre saranno 18 le turbine che entreranno in funzione. La spesa per realizzare l'impianto eolico è di circa 50 milioni di euro mentre una volta completato saranno circa 20 gli operai che saranno impiegati.

Grazie al risparmio nell'emissione di anidride carbonica derivante dal parco eolico, la Sardegna riuscirà a soddisfare gli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto, diventando una delle prime regioni a rientrare nei parametri fissati a Kyoto. Nel giorno dell'inaugurazione dell'impianto, Piero Manzoni, amministratore delegato della Falck Renewables, ha parlato dell'eolico come dell'energia rinnovabile dal costo più basso e ha spiegato come "l'impianto di Budduso non solo è il più grande d'Italia, ma è anche uno dei migliori a livello europeo come qualità della risorsa vento. Sappiamo - ha continuato l'ad della ditta costruttrice - che l'eolico non dà molte possibilità in termini di occupazione, ma la produzione di energia è un volano per l'economia". L'assessore regionale dell'Industria, Alessandra Zedda, spiega come il parco eolico rientri nel Burden Sharing (il processo di regionalizzazione per la produzione energetica da rinnovabili) e aiuterà la Regione a raggiungere gli obiettivi prefissati insieme al Galsi, il metanodotto che dall' Algeria arrivera' in Italia passando per la Sardegna e che è per l'assessore un progetto "in grado di cambiare l'assetto futuro dell'isola.