Back to top

Eolico, futuro difficile in Europa?

eolicoL'Europa, nel corso degli ultimi anni, ha rappresentato, per l'industria eolica, una vera e propria terra di conquista.

L'eolico, negli ultimi anni, ha, infatti, fatto registrare numeri sempre positivi ed in netta crescita di anno in anno. Anche il 2012 ha seguito questa tendenza mettendo in mostra una crescita del 12% rispetto all'anno precedente. Le cose potrebbero però subire un deciso cambiamento nel corso dei prossimi mesi ed anni. L'eolico, infatti, stando a quanto dichiarato da European Wind Energy Association (EWEA), potrebbe subire gli effetti negativi della crisi economia e dell'incertezza politica e dei mercati internazionali.

Nel corso dei prossimi anni potrebbero, quindi, iniziare a farsi vivi i primi sintomi di decrescita dovuti, come detto, a fattori economici che caratterizzano il presente dell'Europa.

Al momento in Europa, stando agli ultimi dati disponibili, sono installati 105,6 GW di impianti eolici, un valore ottimo che contribuisce in maniera consistente al fabbisogno energetico del continente. Tuttavia, nonostante ciò, è l'incertezza per il futuro a regnare sovrana. La situazione energetica europea, per ragioni prettamente tecniche, è avvolta da diverse nubi e fare previsioni di sviluppo diventa quanto mai difficile.

In ogni caso, l'eolico rappresenta per tutto il continente una risorsa da non tralasciare. Investire sull'eolico, anche in un momento di crisi ed incertezza, potrebbe rivelarsi una scelta vincente.