Back to top

Eni Ed Energie Rinnovabili : Un Rapporto Destinato A Finire?

Le energie rinnovabili si diffondono con sempre maggiore vigore in tutto il mondo, numerose sono infatti le aziende che strizzano l’occhio a queste tecnologie che, oramai,  sembrano divenire un investimento sempre più lungimirante e sicuro.

eni e le energi rinnovabili

Anche il Colosso Energetico Eni, infatti, ha pensato bene di investire in tal senso, assicurandosi così grandi benefici sia nel presente che nell’immediato futuro.

I presidenti del gruppo Eni, infatti, hanno dichiarato in molteplici occasioni la manifesta volontà di investire concretamente in tale nuovo settore, con lo scopo di procedere ad un’integrazione sempre più massiccia di queste fonti all’interno della produzione energetica esistente, al fine di diminuire quanto più possibile l’uso di combustibili che, come  tutti sappiamo, si inscrivono i principali produttori di gas serra. Ma non sempre le cose sembrano rivelarsi sempre così limpide.

Oltre ad investire concretamente nell’utilizzo e nello sfruttamento di tali fonti energetiche, il colosso ENI sembra essersi particolarmente impegnato anche ad investire attivamente nello sviluppo tecnologico e nello studio di tecnologie che potrebbero in futuro accrescere e migliorare la produzione energetica pulita.

Il principali investimento resta in ogni caso quello del solare, un settore questo che oramai guadagna sempre più consensi non solo da parte dei governi e dalle grandi aziende, ma anche da parte dei semplici cittadini sempre più attratti dai benefici economici e ambientali che tale fonte offre.

Una scelta di capitalizzazione ben precisa questa, che ha portato il noto marchio a cozzare addirittura con le ultime scelte governative. Il nuovo amministratore delegato Scaroni  infatti, ha ribadito la sua volontà di distaccarsi dal nucleare, ma dalle ultime dichiarazioni però, qualcosa non torna, soprattutto per quanto riguarda il tanto profuso impegno nel settore delle rinnovabili.

Il gruppo ENI infatti pare stia vivendo un momento di gloria dovuto allo smantellamento (seppur provvisorio) del nucleare, tale spostamento infatti porterà ben presto nuovi profitti al gruppo, in quanto una grande fetta energetica verrà conquistata in particolar modo dal Gas.

Fanno storcere comunque il naso le dichiarazioni di Sarconi, che sembra quasi guardare al mondo delle energie rinnovabili con una sorta di leggera sfiducia che contrasta, in tutto o in parte, con una lunga e intensa politica aziendale "ambientalista".