Back to top

Energie rinnovabili, nella manovra tagli agli incentivi

Dopo il Referendum che ha bocciato il nucleare, sembrava che il Governo volesse puntare deciso sulle energie rinnovabili. Evidentemente però non è così visto che nella manovra finanziaria approvata dall'esecutivo giovedì scorso e arriva al Quirinale oggi è presente un taglio agli incentivi per le energie rinnovabili.  

Nel decreto infatti si legge che "allo scopo di ridurre il costo finale dell'energia per i consumatori e le imprese - si legge - a decorrere dal primo gennaio 2012, tutti gli incentivi, i benefici e le altre agevolazioni, comunque gravanti sulle componenti tariffarie relative alle forniture di energia elettrica e del gas naturale, previsti da norme di legge o da regolamenti sono ridotti del 30 per cento rispetto a quelli applicabili alla data del 31 dicembre 2010".

L'inatteso tagli agli incentivi per le energie rinnovabili ha immediatamente fatto divampare le polemiche con i ministri Prestigiacomo e Romani che si sono affrettati a smentire le indiscrezioni riportate dalle agenzia di stampa circa la diminuzione degli incentivi con il responsabile dello Sviluppo che è ha provato a chiarire parlando di "rimodulazione degli incentivi e del conseguente peso in bolletta".

Attacca invece l'opposizione con il verde Bonelli che di "ennesimo attacco alle energie rinnovabili" con il quale "il governo ha deciso di affossare l'economia e un settore che può rappresentare oltre 3 punti di pil".