Back to top

Energie rinnovabili: l’Africa raddoppia gli investimenti

 

Il Fondo africano per le energie rinnovabili stanzia oltre 200 milioni di dollari per la crescita delle piccole e medie imprese locali

Le energie rinnovabili conseguono un ennesimo traguardo nel continente africano. Il Fondo per le energie rinnovabiliAref - ha stanziato di recente un’ingente somma di denaro per sostenere la crescita delle piccole e medie imprese nel settore delle rinnovabili. Una strada già percorsa da tempo nel vecchio continente europeo, dove le energie rinnovabili rappresentano per molte imprese e privati la principale fonte energetica. Già molti fornitori di energia affidano gran parte della loro produzione a fonti rinnovabili e a basso impatto ambientale, la cui richiesta cresce tra i privati e le imprese. A chi volesse valutare le condizioni e i vantaggi di queste risorse, consigliamo di informarsi e consultare ad esempio la guida di Hera Comm realizzata da SuperMoney, o quella degli altri operatori monitorati dal portale, in cui sono raccolte le migliori tariffe e soluzioni energetiche a basso impatto ambientale.

Energie rinnovabili: oltre 200 milioni per la crescita dell’Africa

L’ultima conquista nel settore delle energie rinnovabili è stata realizzata dal Fondo Africano che ha stanziato ben 200 milioni di dollari per supportare lo sviluppo delle piccole e medie imprese, aumentando del 50% le risorse erogate nel corso del 2014. Oltre al Kenya, considerato il nono produttore di energia geotermica, i fondi saranno destinati all’Etiopia, alla Nigeria, alla Mauritania, alla Repubblica democratica del Congo, al Ruanda e al Ghana e a tutti gli altri progetti già avviati e mirati alla diffusione delle energie rinnovabili nel continente africano.

Il piano di interventi propone obiettivi ambiziosi e dotati di un forte potenziale innovativo che potrebbero di fatti migliorare il livello di sviluppo di questi Paesi. Il Kenya, ad esempio, prevede di raddoppiare la sua capacità di produzione di energia geotermica, mentre l’Etiopia, che già ospita uno dei più grandi impianti eolici del continente, mira ad ampliare la sua capacità energetica. Lo stesso slancio verso le energie rinnovabili emerge dagli interventi pianificati per la Nigeria che vorrebbe raddoppiare la sua capacità di produrre energia solare.

Nuove prospettive di crescita

La crescita delle energie rinnovabili nel continente africano sta attraversando una fase di grande crescita. I settori eolico e solare hanno infatti riportato nel corso degli ultimi anni dei ritmi di crescita senza precedenti proprio grazie alla possibilità di accedere ad importanti risorse che hanno permesso di realizzare dei progetti concreti con risultati efficaci. Si tratta di un percorso lento e faticoso, che di certo consentirà ai Paesi africani di giungere preparati all’imminente conferenza sul clima che si terrà a dicembre a Parigi.

Tra le nuove sfide per il futuro rientra anche la netta riduzione delle emissioni di CO2, la chiusura delle centrali di carbone e l’ampliamento della diga di Grand Inga. La Repubblica democratica del Congo ha invece manifestato la sua intenzione di raddoppiare la capacità di produrre energia elettrica innalzando la sua capacità fino a 40 mila Megawatt, un vero record che potrebbe arrivare a coprire quasi un terzo dell’elettricità totale prodotta nel continente.